fbpx

BLOG

Tiger: costruire un impero grazie alla Value Proposition

tiger value proposition
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

900 negozi in tutto il mondo. Più di 1.500 prodotti e collezioni in edizione limitata ogni due settimane. Questi sono solo alcuni numeri del brand Flying Tiger Copenhagen, il famoso brand conosciuto semplicemente come Tiger e fondato nel 1995 dall’imprenditore danese Lennart Lajboschitz insieme a sua moglie.

Al tempo aveva 36 anni, e una voglia incredibile di creare qualcosa di originale, unico e accessibile a tutti. Con queste prospettive ha dato vita ad uno dei brand di oggettistica più amati e conosciuti al mondo. Pura fortuna, diranno tanti. Noi preferiamo chiamarla in un altro modo: VALUE PROPOSITION forte trasmessa con entusiasmo e coerenza.

Ebbene sì, l’originalità e il divertimento rendono i prodotti Tiger unici, è questo il valore aggiunto che ha fatto perdere la testa a consumatori di ogni parte del Mondo.

Ma cosa si intende per Value Proposition e perchè questo fattore ha inciso così tanto nel successo del marchio Tiger? Lo scoprirai solo se continui a leggere questo articolo e, ne siamo sicuri, troverai tante ispirazioni per gestire al meglio il tuo progetto imprenditoriale! 

Cosa è la Value Proposition e perchè NON puoi ignorarla?

La Value Proposition viene definita in italiano Proposta di Valore e rappresenta l’insieme dei prodotti e servizi dotati di un valore specifico e rivolti ad un preciso segmento di consumatori. Per individuare la Proposta di Valore della tua azienda dovresti saper rispondere con sicurezza a questa domanda “Perchè i clienti dovrebbero comprare i tuoi prodotti o servizi?

Se hai tentennato o nella tua mente si sono affollati tanti punti interrogativi, allora è il caso di fare chiarezza, e impegnarti per individuare il VALORE AGGIUNTO che proponi ai tuoi clienti. Questa attività può determinare il successo del tuo Modello di Business.

Fortunatamente esiste uno strumento efficace per definire la Value Proposition: il Modello Canvas, che ti permette di avere una visione d’insieme del tuo progetto e intercettare ciò che davvero ti differenzia e ti fa emergere rispetto ai competitor.

Abbiamo creato un modello Canvas che puoi usare per iniziare a lavorare sulla tua Value Proposition:

Modello Canvas Value Proposition

 

Modello Canvas per individuare la Value Proposition: come compilarlo?

Inizia dal cerchio, che ti permetterà di creare il profilo del tuo cliente. Dovrai concentrarti sui vantaggi ovvero su tutti i benefici che il cliente si aspetta quando compra un prodotto: per esempio il risparmio, oppure i risultati sul fisico, ma anche una particolare emozione, una soluzione ad un problema tecnico e così via.

Nella sezione dedicata alle difficoltà puoi invece concentrarti sugli aspetti negativi legati all’acquisto, per esempio se compra online, potrebbe trovare difficoltà nel trovare il prodotto che desidera oppure potresti capire perchè le soluzioni proposte non soddisfano il tuo cliente, cosa lo tiene sveglio la notte, gli errori che fa in continuazione e le barriere che gli impediscono di arrivare a ciò che vuole.

Le attività del cliente sono tutte le operazioni che il cliente effettua per soddisfare il suo bisogno, per esempio entrare in negozio o cercare online.

Passa dunque alla compilazione del quadrato e concentrati prima nella descrizione dei tuoi prodotti e servizi. Cosa proponi al tuo cliente al fine di soddisfare i suoi bisogni? Passa poi ad analizzare i generatori di vantaggi, che devono corrispondere a quelli ricercati dal cliente, che hai già scritto nel cerchio. Infine, concentrati su ciò che riduce le difficoltà, cioè scrivi in che modo i tuoi prodotti e servizi riducono le sofferenze e le problematiche del cliente.

Descrivere ogni sezione in modo dettagliato ti permetterà di capire qual è il VALORE su cui può puntare la tua azienda!

Ora che hai compreso come si crea una Value Proposition, sei pronto per prendere spunto da Tiger.

Tiger Touch: quando la Value Proposition ha un nome!

Tutto inizia quando Lennart Lajboschitz fonda la sua azienda all’età di 36 anni. Non ha una laurea e nessun tipo di formazione specifica, ma tanta esperienza alle spalle e soprattutto è sempre pronto a captare bisogni, tendenze ed esigenze di ogni tipologia. Un esempio? Da giovane ripara ombrelli rotti e li rivende al mercatino delle pulci. Questa esperienza ha contribuito ad affinare le sue doti di ascoltatore ed osservatore del mondo.

Nel 1995 insieme alla moglie fonda il suo primo negozio in cui vende oggetti di diverso tipo. Lo chiama Zebra. La prima idea vincente, che caratterizzerà la Proposta di Valore è quella di proporre tutto ad un prezzo molto basso. Avviene un po’ per caso: un giorno decide di andare in vacanza con la moglie e lascia il negozio in gestione a sua cognata. Lei lo chiama disperata perchè non riesce a trovare i prezzi delle cose, Lennart le dice di prezzare tutto a 10 corone (equivalente a 1 euro), che in slang danese si pronunciano tier. I prodotti vanno a ruba e da quel momento il marchio prende il nome di Tiger (da tier appunto).

Contemporaneamente Lennart decide di acquistare oggetti dai suoi fornitori ma rimetterli in commercio nel suo negozio con un tocco di originalità in più. Quindi inizia a disegnare dei baffi sulle tazze oppure mette dei brillantini sui bicchieri, delle zampe di gomma sulle calcolatrici, e così nasce il cosiddetto Tiger Touch, ciò che contraddistingue i prodotti Tiger, oltre naturalmente al prezzo molto basso!

Il successo è immediato e i margini di profitto si duplicano in pochi mesi. In un intervista Lennart spiega così il Tiger Touch: «Quello che sappiamo fare meglio è prendere un oggetto funzionale e trasformarlo in uno emozionale».

Sei mai entrato in un negozio Tiger? Puoi trovare una miriade di oggetti strampalati, originali e divertenti per gli usi più disparati. Oggetti che ti accorgerai di volere subito, tanto più che non richiedono un grande investimento.

Tutti gli articoli da vendere vengono scelti da un team specifico e poi modificati in collaborazione con diversi designer. Il marchio introduce in catalogo circa 300 nuovi prodotti a settimana. Il lavoro è veloce grazie ad una organizzazione perfetta di tutti i processi aziendali ed un clima informale e piacevole all’interno dell’azienda.

I prodotti Tiger sono pensati per far conoscere le persone, farle incontrare, divertire e trascorrere ore spensierate. «Con i miei prodotti cerco di fare in modo che la gente si incontri, mangi insieme e magari faccia dei bambini…».

 

Lo stesso Lennart ama visitare i suoi negozi e vedere coi suoi occhi qual è la reazione delle persone, come li valutano e quali acquistano maggiormente. Insomma, così come tutte le ciambelle non escono col buco, anche tutti i prodotti del marchio non escono con il Tiger Touch ma per l’imprenditore questo non è affatto un problema: «La gente pensa troppo a quello che può andare male. Se su 10 cose che si fanno, 8 non hanno successo, non è contenta. Invece io sono contento se 2 sono andate bene. Il resto è esperienza».

Dal 2012 Lennart ha lasciato il ruolo di Ceo per occuparsi della Direzione Creativa, vendendo il 70% del marchio ad Eqt, fondo svedese di private equity. Questo gli ha permesso di avere più tempo per fare ciò che gli piace di più: osservare e creare.

Direttore creativo Tiger

Insomma, il Tiger Touch è la Proposta di Valore su cui si fonda il progetto Tiger. Le idee chiare del suo fondatore e una passione innata per il proprio progetto hanno contribuito al successo del marchio.

Ora tocca a te: sei pronto ad intercettare la tua Proposta di Valore e trasmetterla ai tuoi clienti tipo, giusto? Noi possiamo aiutarti a raggiungere questo obiettivo. Facciamoci una chiacchierata

Vuoi migliorare il tuo business online?
Luigi Vargiu

Luigi Vargiu

Curioso. Tanto. Forse anche per questo ho scelto di essere imprenditore in un settore in continua evoluzione, sono infatti il CEO di Strogoff ed E-Commerce Strategist. Ho formazione liceale, una laurea in Economia e Commercio, vari corsi di alta formazione in campi trasversali e tanta voglia di imparare da chiunque io incontri. Amo il bello, canto, suono la chitarra e sto imparando a suonare il pianoforte. Ho una famiglia fantastica, che è la mia più grande fonte di consapevolezza e crescita.

Lascia un commento

IL METODO STROGOFF

Avviare un e-commerce richiede il coraggio e l’intraprendenza dell’imprenditore, ma anche la competenza e la professionalità di chi dovrà trasformare l’idea in realtà.

Per questo motivo abbiamo ideato un METODO che ci consente di analizzare la tua idea di business e di fornirti tutti gli strumenti per affrontare lo sviluppo digitale della tua azienda.

Chiudi il menu

Il Commercio è 4.0!

Grazie per aver letto in nostri contenuti, speriamo che ti siano piaciuti e soprattutto che ti siano utili!

Non perdiamoci di vista: iscriviti alla nostra newsletter, e riceverai novità e appunti sul commercio elettronico direttamente sulla tua e-mail preferita.