fbpx

BLOG

Scrivere per il web: ecco alcuni consigli pratici

Scrivere per il web
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Siamo ad Agosto, l’estate entra nel vivo e tra qualche giorno anche il blog di Strogoff chiude la sua serranda virtuale per qualche giorno. Tra un nuovo ecommerce e una riunione aziendale, pensiamo a preparare la valigia per le vacanze.

Fare i bagagli è un po’ come scrivere sul web: bisogna scegliere con cura ciò da portare, per essere comodi e avere a disposizione tutto ciò che serve.

Ecco i nostri consigli di scrittura per il web!

Sci o costume da bagno?

Tutto dipende dalla tua meta: in base alla destinazione e al tipo di vacanza dovresti scegliere cosa mettere in valigia.
Allo stesso modo, la scrittura per il web dipende dalla tematica, dal tono e dal tipo di sito.
La scrittura delle schede prodotto è in genere descrittiva, quella del blog può essere ironica e narrativa. Ma esistono anche blog formali e più seri. Fatti guidare dal contesto: qual è il tono da adottare, per chi stai scrivendo, chi sono i tuoi lettori e cosa cercano?

[feature_box style=”undefined” alignment=”center”]

La parola chiave è competenza: devi conoscere bene il pubblico a cui ti rivolgi e la materia che stai trattando, in modo da trasmettere conoscenza e creare intorno a te una community di lettori affezionati.

[/feature_box]

Zaino o trolley?

VIAGGIARE

Naturalmente un viaggio on the road richiede un tipo di bagaglio differente rispetto ad una vacanza rilassante in un villaggio vacanze. Allo stesso tempo, scegliere la piattaforma più adatta è tutto per un web writer. In rete esistono tante alternative, WordPress, per esempio è un CMS che si adatta perfettamente alla creazione e alla gestione di un blog. Possiede un editor di testi molto intuitivo che può essere migliorato grazie a tantissimi plugin.

Se vuoi ottimizzare il tuo blog per i motori di ricerca, ti consiglio di installare il plugin WordPress SEO by Yoast. Aggiungerlo è molto facile, basta collegarsi alla propria bacheca WordPress e cercarlo dal motore di ricerca interno.

Una volta terminata l’installazione, il plugin di Yoast ti consente di ottimizzare i tuoi testi per la SEO e renderli, così, facilmente rintracciabili dai motori di ricerca.

[feature_box style=”undefined” alignment=”center”]

La parola chiave è tecnica. Cerca di informarti sulla piattaforma migliore in base al tipo di testo che devi scrivere, effettua gli aggiornamenti e installa i plugin che potrebbero servire al tuo articolo.

[/feature_box]

La lista delle cose da fare
check list scrivere per il web

Ogni viaggiatore che si rispetti, organizza il suo viaggio programmando le cose da visitare.

Allo stesso modo, per scrivere sul web è necessario elaborare un calendario editoriale, fondamentale specialmente per un blogger: scegli ogni quanti giorni pubblicare e prepara una lista di titoli in modo da avere una base da cui partire. Un concetto simile vale anche per le schede prodotto: puoi decidere di scriverne 10 alla settimana, l’importante è non procrastinare.

[feature_box style=”undefined” alignment=”center”]

La parola chiave è obiettivi. Cerca di raggiungerli, qualsiasi cosa succeda.

[/feature_box]

L’organizzazione della valigia

Hai presente i tutorial online che ti insegnano a preparare la valigia? Se ancora ne li hai visti eccone uno:

Ogni cosa ha un suo spazio, anche e soprattutto all’interno di un testo. Gli obiettivi sono due: rendere il testo leggibile, facendo risaltare le informazioni importanti.

Alcune regole per la scrittura di un blog (che strizzano l’occhio alla SEO):

  • Scrivi un titolo di 60 caratteri contenente le parole chiave che introducano l’argomento che tratterai. Il titolo deve essere accattivante e invitare il tuo lettore a leggere il messaggio. Il titolo dell’articolo dovrà essere in H1 e un carattere abbastanza grande. I sottotitoli dovranno essere in H2 e con un font più piccolo rispetto al primo.
  • Il testo deve avere la classica struttura a piramide capovolta: inizia con un’introduzione generale e procedi con informazioni via via più specifiche
  • Migliora la leggibilità del testo: dividilo in piccoli paragrafi di massimo tre e quattro righe e scrivi frasi semplici e corte. Evidenzia le parole più importanti del testo in grassetto in modo che gli utenti trovino subito le informazioni più importanti. Interrompi il testo con fotografie o video. Gli utenti sono più stimolati alla lettura se non si trovano davanti un muro di parole.

piramide-capovolta

Preso tutto? Si parte!

Prima di partire assicurati di non aver dimenticato nulla!

Come puoi controllare che il tuo testo? Ti consiglio di usare Analytics, uno strumento gratuito offerto da Google per monitorare l’andamento di un sito. Al suo interno puoi controllare le singole pagine e quindi anche le schede prodotto o gli articoli di un blog.

Quattro elementi fondamentali da controllare su Google Analytics:

  • Frequenza di rimbalzo: le sessioni in cui un utente lascia il sito web dalla pagina in cui è entrato senza fare alcuna interazione, quindi indica le persone che hanno visto solo una pagina del sito.
  • Percentuale di uscita: indica che quella pagina è stata l’ultima visualizzata durante la sessione sul sito web, ovvero comprende tutte le persone che sono uscite dal sito dopo aver letto l’articolo, ma avendo navigato prima nel sito.
  • Utenti unici: comunica quante nuove persone sono entrate nella pagina.
  • Tempo di permanenza: per quanto tempo un lettore permane nella pagina, che per esempio, potrebbe corrispondere al tempo impiegato per leggere l’articolo del blog.

Ora puoi iniziare il tuo viaggio nel mondo della scrittura sul web: non dimenticarti però una qualità fondamentale, la passione per ciò che fai. Anche i lettori si accorgeranno della differenza!

Se hai ancora uno spazio in valigia: scarica il nostro Report per gli ecommerce, ti facciamo compagnia anche in vacanza!

Vuoi migliorare il tuo business online?
Luigi Vargiu

Luigi Vargiu

Curioso. Tanto. Forse anche per questo ho scelto di essere imprenditore in un settore in continua evoluzione, sono infatti il CEO di Strogoff ed E-Commerce Strategist. Ho formazione liceale, una laurea in Economia e Commercio, vari corsi di alta formazione in campi trasversali e tanta voglia di imparare da chiunque io incontri. Amo il bello, canto, suono la chitarra e sto imparando a suonare il pianoforte. Ho una famiglia fantastica, che è la mia più grande fonte di consapevolezza e crescita.

Lascia un commento

IL METODO STROGOFF

Avviare un e-commerce richiede il coraggio e l’intraprendenza dell’imprenditore, ma anche la competenza e la professionalità di chi dovrà trasformare l’idea in realtà.

Per questo motivo abbiamo ideato un METODO che ci consente di analizzare la tua idea di business e di fornirti tutti gli strumenti per affrontare lo sviluppo digitale della tua azienda.

Chiudi il menu

Il Commercio è 4.0!

Grazie per aver letto in nostri contenuti, speriamo che ti siano piaciuti e soprattutto che ti siano utili!

Non perdiamoci di vista: iscriviti alla nostra newsletter, e riceverai novità e appunti sul commercio elettronico direttamente sulla tua e-mail preferita.