fbpx

BLOG

Perchè il tuo e-commerce è un ottimo modo per internazionalizzare la tua impresa

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

 

internazionalizzazione e-commerce

Il web è uno dei canali più importanti quando si parla di internazionalizzazione. Si tratta di una corsia preferenziale per un’impresa che desidera approcciarsi velocemente ai mercati esteri: permette di operare in tempi rapidi, anche se per vedere i risultati occorre comunque attendere che il nuovo mercato digerisca la novità. In corso d’opera non mancano modifiche, cambi di strategia e miglioramenti. L’ottica è quella di essere sempre più presenti e vendere sempre di più.

Inoltre, oggi i consumatori di ogni parte del mondo sono sempre più abituati ad acquistare online e i gusti degli stranieri sembrano incontrare il Made in Italy. Allora, sembra proprio che un’impresa italiana che desidera espandersi all’estero abbia la strada spianata. Ma per avere risultati occorre investire, non vangono esperimenti e prove. 

Vediamo come approcciarsi ai mercati esteri con un e-commerce e quali sono gli errori da evitare. 

Vendere all’estero: l’e-commerce, pericoli e opportunità

Obiezioni: le aziende non hanno una preparazione interna in grado di affrontare i processi gestionali più difficoltosi per un e-commerce. Fortunatamente molte delle attività che riguardano l’e-commerce possono essere affidati ad aziende esterne specializzate proprio nella gestione di progetti di e-commerce marketing. 

La preoccupazione delle aziende, più che riguardare la parte relativa alla raccolta dei contatti e al marketing, dovrebbe essere quella di gestire la catena logistica, elemento cruciale per il successo imprenditoriale. Ciò signifca che un e-commerce di successo dovrebbe avere un magazzino dedicato, un Servizio Clienti in grado di comunicare chiaramente con utenti stranieri e un’ampia conoscenza della burocrazia estera. Internazionalizzare l'azienda con l'e-commerce

A tal fine, è fondamentale che l’azienda sia ben strutturata internamente e soprattutto che ci si affidi ad aziende specializzate in e-commerce in grado di relazionarsi anche con mercati più ampi. Purtroppo spesso, l’e-commerce viene fatto al risparmio e la sua gestione viene affidata ad un dipendente propositivo e curioso, magari quello che usare meglio il computer o è abituato a navigare online. Così, riesce pure a fare un negozio online con un programma gratuito. Il tutto è giustificato dall’azienda come un esperimento per ampliare il mercato. 

Un’operazione del genere però rivela numerosi pericoli: innanzitutto può danneggiare la web reputation aziendale, facendo apparire l’impresa poco professionale e quindi non credibile a livello internazionale. 

L’esperimento così diventa non solo vano ma addirittura controproducente, rovina l’azienda alla radice, ovvero ne intacca l’identità. 

L’e-commerce non è un esperiemento ma un progetto complesso

Per ottenere risultati reali occorre innanzitutto che l’imprenditore si convinca che l’e-commerce può offrire enormi vantaggi, a patto se si interpreti come un’operazione strutturata in diverse fasi, quindi non è un esperimento, nè una prova generale… ma una vera opportunità per espandere il proprio mercato. Occorre questa consapevolezza e, di conseguenza, la necessità di investire nel progetto.

Ebben sì, il progetto: perchè l’e-commerce è proprio questo. Non si fa dall’oggi al domani, occorre analizzare il mercato nei dettagli, comprendere se il prodotto che si vuole vendere ha reali potenzialità, trovare il target e capire come raggiungerlo (le abitudini del cliente-tipo possono cambiare da Paese a Paese). L’attività di vendita deve essere controllabile. Occorre:

  • impostare i KPI
  • individuare i prodotti da inserire in catalogo e quali mettere in riassortimento.
  • comprendere come diversificare l’offerta in base al mercato
  • creare un Servizio Clienti capillare ed presente
  • stringere accordi con corrieri e banche per inviare i prodotti all’estero
  • offrire ai clienti sistemi di pagamento che sono abituati a usare

Queste sono solo poche attività, in seguito occorre impostare tutte le operazioni di marketing utili ad aumentare la visibilità dell’azienda, in modo da curare la brand awareness a livello più ampio. 

In poche parole: occorre una strategia.

Naturalmente, molte aziende non sono ancora preparate a questo genere di attività, ecco perchè è fondamentale affidarsi ad un’azienda specializzata in e-commerce marketing che sappia affiancare l’imprenditore e il suo team nella gestione del negozio online

Comprendere, analizzare, progettare e mettere in pratica. Tante attività un solo obiettivo: vendere. Vuoi raggiungere con successo risultati reali? Fatti guidare: scopri subito cosa abbiamo pensato per te.

{{cta(‘8eb215df-6453-4db0-8b9e-b0fb44dac469’)}}

 

Luigi Vargiu

Luigi Vargiu

Curioso. Tanto. Forse anche per questo ho scelto di essere imprenditore in un settore in continua evoluzione, sono infatti il CEO di Strogoff ed E-Commerce Strategist. Ho formazione liceale, una laurea in Economia e Commercio, vari corsi di alta formazione in campi trasversali e tanta voglia di imparare da chiunque io incontri. Amo il bello, canto, suono la chitarra e sto imparando a suonare il pianoforte. Ho una famiglia fantastica, che è la mia più grande fonte di consapevolezza e crescita.

Lascia un commento

Chiudi il menu

Newsletter

Non perdere nessun articolo, iscriviti adesso