fbpx

BLOG

Paperform, il form builder con caratteristiche uniche

form builder Paperform
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

In Strogoff, occupandoci di e-business a 360°, ci capita spesso di utilizzare landing page nelle quali è necessario inserire dei form terzi che poi dobbiamo interfacciare con i nostri  CRM che, a loro volta, li invieranno ad altri sistemi utilizzati per fare e-mail marketing, segmentare i contatti acquisiti, fare nurturing ed altre attività legate al marketing.
Cercando una soluzione che ci consentisse di utilizzare meno sistemi e ci facesse risparmiare del tempo nella creazione di tutti i processi, abbiamo iniziato a testare Paperform.
Lo abbiamo utilizzato per sostituire alcuni moduli che utilizzavamo in alcuni business, e poter avere uno strumento così completo a disposizione ci ha fatto risparmiare tempo e denaro grazie alle sue integrazioni dirette.
Si trova quasi tutto in una sola piattaforma!

Che si tratti di una prenotazione al ristorante o in un centro estetico, o che sia il completamento di un acquisto, è facile e veloce creare un percorso che porterà gli utenti a compiere l’azione che desideriamo, tenendo traccia e segmentando tutto il percorso che hanno compiuto.


Una volta effettuato l’accesso entriamo direttamente nella Dashboard di Paperform, dalla quale possiamo iniziare a realizzare i moduli per l’acquisizione contatti.
Abbiamo a disposizione diversi template già pronti nei quali possiamo semplicemente aggiungere, testi, immagini o video. Se non ci si accontenta di un template già preconfezionato possiamo crearne uno partendo da un foglio totalmente bianco. 

Paperform salva in automatico tutti i progressi che facciamo nella creazione dei moduli e permette di creare delle cartelle nelle quali salvare i nostri lavori per mantenere sempre in ordine la nostra dashboard.

Vediamo assieme come creare un modulo

Per iniziare a realizzare il nostro primo form clicchiamo su “Create a Blank Form” e ci ritroviamo immediatamente nella pagina di creazione.


In alto si trovano 4 icone che indicano in che punto della creazione ci troviamo. Ognuna di queste icone al passaggio del mouse mostra le cose che è possibile personalizzare in ogni step. Il primo passaggio è quello della creazione del form, per iniziare basta digitare del testo. Sottolineandolo si ha la possibilità di personalizzarlo, inserendolo come titolo, sottotitolo o come semplice testo.
Nel lato sinistro del testo sono sempre visibili delle icone che ci consentono di inserire altri blocchi, da qui è possibile inserire immagini, caricare dei video
da Youtube o da Vimeo e naturalmente inserire i campi del form.
Una volta realizzata la struttura del nostro form possiamo personalizzarne il design cliccando sull’icona a forma di goccia che si trova in alto a destra.

Personalizza con uno stile unico i moduli


Qui si trova la possibilità di personalizzare diversi elementi del form per renderlo unico e riconoscibile. Infatti è possibile importare dei temi, oppure possiamo affidarci al pulsante “I’m feeling lucky!” che personalizzerà il modulo con dei temi random, questo è utile quando non si ha ancora idea sul come personalizzarlo. Spostandosi da Theme Settings a Tipography è possibile personalizzare singolarmente tutti gli stili dei testi. I titoli, i sottotitoli, i paragrafi, il testo delle domande e la descrizione, sono tutti personalizzabili scegliendo il font, la grandezza, lo spessore, l’interlinea ed il colore.

Anche in questa sezione è possibile aggiungere degli stili custom. Nella sezione UI Element si può personalizzare la parte grafica del form. Si può inserire un immagine come sfondo, personalizzare il riquadro delle domande, dare una forma ed un colore al bottone per aumentare il tasso di conversione. Inoltre è possibile inserire anche delle traduzione che permettono di utilizzare il form anche in più lingue.

Configura tutto nei minimi dettagli


Superata questa parte si passa alle configurazioni. Qui si inserisce il nome del modulo, una descrizione ed un immagine, e sopratutto è possibile personalizzare l’url finale. A tal proposito è molto interessante la possibilità di utilizzare i form creati per sostituirli sulle nostre landing sotto forma di iframe.
Nelle pagine successive a questa prima configurazione si trova la sezione dei pagamenti, dove è possibile scegliere un metodo di pagamento, fra i 3 inseribili nel proprio account.
Oltre questo consente di modificare la valuta, di inserire un coupon sconto o addirittura personalizzare attraverso delle regole il prezzo finale, in base alle risposte date dagli utenti nei nostri forum.

Una delle sezioni più interessanti per chi si occupa di marketing come Strogoff, è quella dove si possono utilizzare i sistemi di tracciamento più diffusi.
Dal pixel di Facebook allo snippet di Google passando per sistemi di tracciamento terzi come i tracking. Paperform permette di tracciare tutto quello che succede nel form, sia quando viene utilizzato come una pagina di atterraggio sia quando viene inserito in una pagina esterna sotto forma di iframe.

Nella sezione finale delle configurazione è possibile assegnare così detti “comportamenti del modulo di acquisizione”.
Si tratta di regole che consentono di far iscrivere al modulo solamente un numero limitato di persone, interessante per un evento a numero chiuso, oppure consentono di impostare una data di inizio e di fine entro le quali è possibile iscriversi attraverso il modulo. Quando queste regole vengono attivate si può impostare una seconda pagina nella quale rimandare gli utenti che non rientrano nei parametri impostati.

Concluse tutte le configurazioni rimane solamente da impostare quello che succederà dopo che gli utenti avranno cliccato sul pulsante ed inviato i loro dati.

Decidi cosa fare con i dati acquisiti


Terminata tutta la fase delle configurazioni bisogna pensare a dove rimandare l’utente dopo che avrà cliccato e ci avrà inviato i suoi dati.
La prima cosa che l’utente vedrà sarà una pagina di ringraziamento nella quale si possono aggiungere dei testi per informarlo che il processo è andato a buon fine. Paperform permette anche di inviare una e-mail riassuntiva con i dati ricevuti e la conferma che tutto è andato a buon fine. Se questo non fosse sufficiente, mette a disposizione un riepilogo in PDF che l’utente può scaricare.

 

Integrazioni dirette con i sistemi più utilizzati nel marketing


Infine è possibile decidere come utilizzare i dati, inviandoli ad uno dei sistemi che si interfacciano con integrazione diretta a Paperform.
Si trovano con integrazione diretta gli strumenti più utilizzati da chi si occupa di business e marketing online.

 

Perché scegliere Paperform?

Paperform si differenzia dagli altri form-builder garantendo la creazione rapida di moduli su una piattaforma web molto leggera e fluida.
Gli aggiornamenti sono fatti molto frequentemente. Questo serve a garantire un funzionamento e una sicurezza ottimali, affinché i dati che raccogliamo attraverso i moduli non finiscano nelle mani sbagliate.
Considerato il GDPR non sarebbe buona cosa se succedesse.

Paperform riesce a soddisfare pienamente  le aspettative di chi desidera progettare moduli sia in formato mobile che desktop, per quanto lato design la personalizzazione non è molto avanzata. Riteniamo questa sia però una scelta giusta, in quanto i moduli devono essere poco articolati per mantenere un buon CR.
Il design non gioca un ruolo determinante quando si parla di moduli.
Tante volte in Strogoff abbiamo riscontrato tassi di conversioni migliori su landing e con moduli su cui non avremmo scommesso.

Quanto costa?

Paperform è utilizzabile nella versione Free per 14 giorni, nei quali sarete in grado di apprezzarne la versatilità e la facilità d’uso. Finiti i 14 giorni gratuiti è possibile scegliere fra 3 diversi piani, e due modalità di pagamento, mensile o annuale. I prezzo di Paperform partono da $ 15 al mese per il piano Essentials che include un utente, moduli illimitati con marchio Paperform e 1.000 invii al mese.

Luigi Vargiu

Luigi Vargiu

Curioso. Tanto. Forse anche per questo ho scelto di essere imprenditore in un settore in continua evoluzione, sono infatti il CEO di Strogoff ed E-Commerce Strategist. Ho formazione liceale, una laurea in Economia e Commercio, vari corsi di alta formazione in campi trasversali e tanta voglia di imparare da chiunque io incontri. Amo il bello, canto, suono la chitarra e sto imparando a suonare il pianoforte. Ho una famiglia fantastica, che è la mia più grande fonte di consapevolezza e crescita.

Lascia un commento

Chiudi il menu

Newsletter

Non perdere nessun articolo, iscriviti adesso