fbpx

BLOG

Millennials identikit: chi sono e cosa comprano

generazione y o millennials
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Partecipano ai flashmob, aspettano l’happy hour, acquistano low cost. Sono youtuber, fashion blogger e instagrammer. Credono a leggende metropolitane tipo: il cibo condiviso sui social è più buono, farsi 100 selfie al giorno fa diminuire le rughe del 50%. Insomma, sono giovani (oppure ci ostiniamo a chiamarli così?) nati tra gli anni ’80 e il 2000 e rappresentano l’ultima generazione del XX secolo.

Sono nati in piena rivoluzione digitale ma vivono durante la più grande crisi economica dalla Depressione degli anni ’30. Sono i Millennials o Generazione Y, un target estremamente interessante per tutti coloro che si occupano di marketing.

Sono i consumatori 2.0: comprano, lo fanno online, sono consapevoli di quello che vogliono e come trovarlo in rete.

Sono i tuoi clienti e li devi conoscere.

Apple vs Samsung: il simbolo dell’eterna lotta tra cool e sfigato

I Minnenials fanno shopping in modo più selettivo rispetto alla generazione precedente perchè il loro potere d’acquisto è diminuito e la loro consapevolezza è aumentata. Conoscono i prodotti e li confrontano online prima di acquistarli. Comprano non per avere ma per essere. I millennials acquistano non per soddisfare i loro bisogni, ma per costruire una loro identità. Devono apparire, far parte del branco e per sentirsi integrati acquistano determinati articoli. Ad ogni prodotto corrisponde uno status symbol.

L’esempio dell’iPhone è lampante. Fino a qualche anno fa era considerato lo smartphone più cool. Pensiamo all’eterno confronto tra la Apple e la Samsung. La sfida tra i due colossi si è combattuta proprio su questo lato, non sulla potenza, la durata, la tecnologia e così via. I due oggetti hanno caratteristiche tecniche simili e possono competere esclusivamente sul campo dell’appar(ten)enza. Così, fin da subito, l’iPhone era il telefonino dell’élite mentre Samsung lo smartphone per la massa. Questo fino a qualche tempo fa, quando Samsung ha riconquistato terreno, imponendo una scala di valori che pian piano si sta sostituendo alla Apple.

samsung e apple
Questo concetto è stato ribadito dal presidente di un’altra nota marca di telefonini, l’HTC America, che ha parlato dell’iPhone come una volta di moda tra i giovani ma ormai sorpassato. L’iPhone era cool, poi è successo qualcosa, ha perso il suo appeal nei confronti di un determinato nucleo sociale. Oggi i ragazzi (fratellini della generazione Y?) preferiscono altri brand, non sono più affezionati alla Apple, considerata forse sorpassata. L’iPhone ha perso il suo indice di figosità, qualcosa si è spezzato.

Ti parliamo di questo per spiegarti come oggi le caratteristiche tecniche di un prodotto non lo rendono necessariamente il più appetibile. Bisogna creare intorno un alone di riconoscibilità e appartenenza. Il marketing parte dalla creazione di un’identità in cui i clienti devono sentirsi rappresentati. Se un prodotto riesce a rispondere alle necessità di un tipo di target avrà successo, se delude le aspettative sarà un flop. Così ragionano i millennials.

Crisi e potere d’acquisto: l’identikit

La generazione dei Millennials è la più studiata dagli esperti di marketing perché, soprattutto i marketers americani, sono affascinati dalle nuove culture e dalle modalità di promozione che le riguardano.

Questa generazione è una delle più affascinanti per tantissimi motivi: nasce e si muove in un periodo di intensa rivoluzione digitale, ma anche di cambiamento profondo della società e delle strutture economiche che la regolano. Questa generazione spende e lo fa online, motivo che facilita lo studio dei comportamenti e delle abitudini d’acquisto, grazie a strumenti d’analisi sempre più sofisticati. Lo studio Shullman si è soffermato proprio sulle modalità di acquisto dei Millennials.

I Millennials amano fare shopping online (58% dei consumatori tra i 18 e 33 anni rispetto al 40% degli adulti), girano per negozi, ma raramente acquistano qualcosa. Sono abituati a conservare i soldi per permettersi qualcosa di costoso, per i piccoli sfizi si rivolgono a marchi low cost. Adorano gli oggetti costosi come gli smartphone e altri supporti tecnologici, ma sono anche grandi esperti di risparmio: prenotano online le vacanze, vanno a caccia di coupon e offerte speciali online. Quella dei Millennials è la generazione dei codici sconto, voucher e degli outlet.

millennials in Italia
Infografica a cura di Assogestioni e Demia

I brand devono adattarsi a questa realtà senza considerare questo segmento immaturo e inarrivabile. Per conquistarli, non basta urlare offertissimaaa! Preferiscono l’identità, ne cercano una, la bramano. Sono dei Peter Pan che hanno perso la loro ombra e vogliono acquistarla low-cost. Per capire come vendere è necessario capire chi sono e di che cosa hanno bisogno, come lo esprimono e come parlano, cosa li fa felici e cosa amano mostrare ai loro amici. Sviluppare un’empatia è il modo migliore per conquistarli, fare inbound marketing, avere un valore aggiunto, puntare tutto sull’atteggiamento.

come acquistano i millennials

 Se fino ad ora li consideravi ancora dei piccoletti da non prendere in considerazione, è arrivato il momento di cambiare idea e creare un piano di marketing tutto per loro!

Non ti sembra?

Studiamoli insieme: chiedici una consulenza per elaborare la tua strategia di marketing! 

Vuoi migliorare il tuo business online?
Luigi Vargiu

Luigi Vargiu

Curioso. Tanto. Forse anche per questo ho scelto di essere imprenditore in un settore in continua evoluzione, sono infatti il CEO di Strogoff ed E-Commerce Strategist. Ho formazione liceale, una laurea in Economia e Commercio, vari corsi di alta formazione in campi trasversali e tanta voglia di imparare da chiunque io incontri. Amo il bello, canto, suono la chitarra e sto imparando a suonare il pianoforte. Ho una famiglia fantastica, che è la mia più grande fonte di consapevolezza e crescita.

Questo articolo ha 6 commenti.

  1. I marketer sono affascinati dai millennials? Non sanno come accalappiarli? Dicano alle banche centrali che il lavoro stà sparendo causa sviluppo tecnologico, e se non si sbrigano a stampare soldi come se non ci fosse un domani, tutto quel surplus di produttività e di merci, finirà in discarica senza passare dal consumatore.

  2. Siamo marketer non banchieri #MarketerNonBanchieri
    Ma se scrivi una petizione, noi la firmiamo: http://www.change.org 😉

  3. buonasera, vorrei avere maggiori informazioni sull’articolo: chi è l’autore? e quali sono le fonti? grazie mille!

    1. Ciao Valentina, chi ti scrive è l’autrice dell’articolo, mi chiamo Maria Francesca, piacere! 🙂 Le fonti dei dati citati sono linkate nell’articolo. Se hai altre domande, chiedi pure. Buona giornata, Francesca

  4. ma siamo sicuri che i millennials siano nati negli anni 80? io sono del 1972 e mi sento millennial a titti gli effetti!!

Lascia un commento

IL METODO STROGOFF

Avviare un e-commerce richiede il coraggio e l’intraprendenza dell’imprenditore, ma anche la competenza e la professionalità di chi dovrà trasformare l’idea in realtà.

Per questo motivo abbiamo ideato un METODO che ci consente di analizzare la tua idea di business e di fornirti tutti gli strumenti per affrontare lo sviluppo digitale della tua azienda.

Chiudi il menu