fbpx

BLOG

Linee guida per i quality rater di Google: ecco le novità

Linee guida Google
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Novità in casa Google: il 19 Novembre 2015 il motore di ricerca più usato del web ha rilasciato le nuove linee guida per i quality rater. Questo documento è come un tesoro, in particolare per chi si occupa di SEO, perché rivela, in parte, come l’algoritmo di Google analizza e valuta le pagine web per posizionarle nell’indice dei suoi risultati di ricerca.

Quali sono gli elementi fondamentali contenuti in questo documento? Noi ne abbiamo individuato due che, se applicati sulle tue pagine web e sui tuoi contenuti, potrebbero migliorare il tuo sito agli occhi di Big G.

Your Money or Your Life (YMYL) Pages : quali sono i siti particolarmente controllati da Google?

Gestisci una farmacia online o un sito di consigli legati alla gestione finanziaria? Attento ai passi falsi e alla qualità delle tue pagine, Google ti tiene d’occhio.

Il motore di ricerca è più severo e intransigente con tutte le pagine web che potrebbero avere un impatto maggiore sulla vita delle persone: parliamo dei siti che offrono consigli di salute o informazioni per gestire le proprie risorse economiche. Oggi le persone si affidano al motore di ricerca anche e soprattutto per approfondire queste tematiche e i contenuti online possono influenzare, così, la vita delle persone.

Chi non ha mai cercato i sintomi su Google? 🙂

cercare i sintomi su Google

Se gestisci queste pagine web, dovrai avere attenzione assoluta verso la qualità e la veridicità di ciò che scrivi e comunichi. Per esempio, se hai un blog che offre consigli medici e una pagina di ricette, sicuramente dovrai curare bene il primo perché è più controllato da Google, e potrebbe penalizzarlo più facilmente.

Ecco tutti i siti web sotto la lente di ingrandimento del motore di ricerca:

  • Siti che danno consigli di salute e benessere: come abbiamo già detto, queste pagine sono le più delicate da gestire. Parliamo, in particolare, dei portali che offrono consigli di salute, che parlano di farmaci in generale, ma anche quelli dove si affrontano argomenti specifici riguardo malattie rare o altre patologie oppure che offrono consigli su medicina alternativa e rimedi naturali.
  • Siti che trattano materie economiche e finanziarie: sono particolarmente controllate da Google anche le pagine che parlano di investimenti, mutui, sanzioni e tasse da pagare, ma anche acquisto di immobili o altri beni importanti e costosi.
  • E-commerce: i negozi online rientrano nel club dei super-controllati, poichè si occupano di immagazzinare e gestire prodotti ed effettuare transazioni monetarie. Se hai un negozio online, bada a tutto il processo di registrazione dei dati e acquisto dei prodotti, oltre alla cura delle schede prodotto e altre pagine importanti per la sicurezza dei tuoi utenti: privacy, Chi Siamo e le condizioni di acquisto, per esempio.
  • Siti web che trattano tematiche collegate alla legalità: in questo caso, si tratta di pagine che parlano di adozione, divorzio, immigrazione e altri processi particolari legati alle leggi nei diversi Stati del mondo.

Expertise/Authoritativeness/Trustworthiness : la tripletta che piace a Google

Il secondo punto interessante riguarda il fattore E-A-T di un sito, che influenza in modo particolare il suo posizionamento.

Per scalare i risultati, una pagina deve avere tre qualità fondamentali: competenza, autorevolezza e affidabilità. Queste sono le tre linee guida principali usate da Google per catalogare i siti.

L’Expertise ci dice che un sito di qualità deve essere gestito da persone competenti ed esperte dell’argomento (per esempio, sarebbe ottimale che un medico trattasse una rubrica si salute, esplicitando nel testo il suo titolo).

Il secondo elemento su cui puntare è l’autorevolezza, ovvero la reputazione che le pagine web hanno per la community. Questo fattore si può costruire con il tempo e dipende da tanti fattori, come la link popularity o l’usabilità.

L’ultimo elemento è l’affidabilità, ovvero la capacità di un sito di “mantenere le promesse” ed essere credibile per chi legge o compra. In particolare, i siti devono avere una pagina del Chi Siamo (fondamentale anche per fare lead generation) o quella relativa ai cookie e alla privacy. In particolare, i negozi online devono assicurare una corretta transazione al momento dell’acquisto e la sicurezza dei dati forniti in fase di registrazione.

Se vuoi approfondire l’argomento, ti consigliamo di leggere il documento ufficiale di Google e migliorare così la strategia SEO del tuo sito web.

Se invece preferisci fare il trenino di Capodanno (mancano due giorni al 2016) puoi affidarti a noi per far correre come un treno (A-E-I-O-U-Y) le tue pagine online!

Luigi Vargiu

Luigi Vargiu

Curioso. Tanto. Forse anche per questo ho scelto di essere imprenditore in un settore in continua evoluzione, sono infatti il CEO di Strogoff ed E-Commerce Strategist. Ho formazione liceale, una laurea in Economia e Commercio, vari corsi di alta formazione in campi trasversali e tanta voglia di imparare da chiunque io incontri. Amo il bello, canto, suono la chitarra e sto imparando a suonare il pianoforte. Ho una famiglia fantastica, che è la mia più grande fonte di consapevolezza e crescita.

Lascia un commento

Chiudi il menu

Newsletter

Non perdere nessun articolo, iscriviti adesso