Le 10 regole più importanti per posizionare un sito web

Le 10 regole più importanti per posizionare un sito web Ricordi quando da piccoli si giocava a nascondino? Era divertente nascondersi e aspettare rannicchiati in un angolo che qualcuno venisse a trovarci. Si, poi sei cresciuto e hai deciso di aprire un e-commerce. Ora il gioco è cambiato: non devi nasconderti ma farti trovare dai tuoi clienti. I modi sono tanti: puoi girare nella tua città con un cartello appeso al collo che ha il nome del tuo dominio a caratteri cubitali, affittare un elicottero e far cadere dal cielo migliaia di volantini o, cosa molto più facile e conveniente, elaborare una strategia SEO e cercare di posizionare il tuo sito nei primi posti dei risultati di Google. La scalata della SERP non avviene dall'oggi al domani, ma solo con il tempo e l'applicazione di alcune strategie potrai arrivare in alto: ti diamo 10 consigli e un “Chiesa Salva Tutti” per aiutarti a vincere questo gioco!

Posizionarsi sui motori di ricerca in 10 passi

Google è il motore di ricerca più usato dagli utenti di tutto il mondo: le persone si affidano a questo sistema per trovare consigli di salute, prodotti da acquistare, notizie e informazioni di ogni tipo. Di solito, i primi risultati forniscono già la risposta esatta e non c'è bisogno di andare nelle pagine successive. Quasi nessuno lo fa. Ecco perché ti serve posizionarti bene su Google. Scopri se hai fatto un buon lavoro, ti serviamo la tua check list delle attività utili a posizionare il tuo e-commerce sul motore di ricerca: #1 - Usa Google Analytics: sicuramente la prima cosa che devi fare per la tua strategia SEO è quella di usare gli strumenti messi a disposizione da Google per i gestori delle pagine web. Tra questi, quello principale è Google Analytics, un tool gratuito che permette di monitorare il traffico del sito e scoprire tanti altri dati che possono aiutarti nelle attività SEO. #2 - Collega il tuo sito a Google Search Console, in questo modo potrai vedere subito quali sono gli elementi su cui concentrarti per migliorare la SEO del tuo sito: errori 404, titoli ripetuti o assenti, velocità di caricamento delle pagine e una sezione dedicata alla versione mobile del tuo sito web. Perchè il tuo sito è mobile friendly, giusto? #3 - Se non lo è, rimedia subito: dal Aprile 2015 è un fattore di ranking! #4 - Elabora la sitemap e inviala al Search Console (o ad altri sistemi) in modo che il motore capisca come è strutturato il tuo sito, quanti e quali sono i contenuti al suo interno. La sitemap è un file XML, ma non solo, che contiene tutti gli URL, ordinati gerarchicamente, delle pagine di un sito web. #5 - Scrivi i contenuti basandoti su specifiche keyword che possono facilitarti la scalata verso le prime posizioni. L'obiettivo è far trovare le tue pagine agli utenti che digitano una specifica query nella barra di ricerca. #6 - Iscrivi il tuo sito web alle directory come DMOZ, che è la più affidabile per Google. #7 - Crea una strategia dedicata alla link building, i link in ingresso possono sono una delle strategie SEO off site più usate ed efficaci. Leggi come iniziare sul nostro blog! #8 - Stai attento ad ogni cambiamento della SERP, in particolare esegui un monitoraggio costante che ti permette di scoprire subito eventuali penalizzazioni di Google! #9 - Ottimizza i metatitle e le URL delle tue pagine. Per farlo puoi usare tanti plugin: se hai un sito in Wordpress, per esempio, ti consigliamo di installare Yoast. Scopri tutti i plugin Wordpress per la tua strategia SEO! #10 - Infine, ricorda che il tuo sito deve essere continuamente aggiornato: monitora costantemente la sua posizione, aggiungi sempre nuovi contenuti e rendilo veloce e usabile. Con queste tecniche avrai più possibilità di migliorare il posizionamento del tuo e-commerce. Vuoi affidarci il tuo e-commerce? Il nostro team è pronto a portarlo in alto: scopri come lavoriamo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *