fbpx

BLOG

Landing page: tipologie ed esempi

Landing page
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Le landing page non sono tutte uguali e non funzionano tutte allo stesso modo. Fosse così semplice, ognuno di noi sarebbe iscritto a qualunque newsletter o avrebbe richiesto migliaia di finanziamenti, per non parlare delle assicurazioni e dei mutui.

La realtà è completamente diversa: tutti noi abbiamo diverse reticenze nel concederci ad un form da compilare. Ciò avviene perché non sempre una landing ci offre la soluzione di cui abbiamo bisogno o, ancora peggio, non riesce ad individuare il problema che ci “affligge”. Così, finisce per non convincerci.

Insomma, le landing page non sono tutte uguali, perché i problemi sono tutti diversi tra loro. Ogni persona ha un bisogno particolare e può soddisfarlo in tanti modi diversi. Per questo motivo non esiste un vero e proprio standard per realizzare le landing page.

Ciò puoi fare è ispirarti a casi reali e trarre da loro elementi interessanti da usare nella tua pagina. Abbiamo perciò deciso di sottoporti alcuni esempi pratici, cercando di individuare i punti forti da riproporre nelle tue landing page!

Landing Page: quale ti attira di più?

Partiamo da un concetto base: così come succede in un negozio di alimentari dove trovi sempre il pane e il latte, anche in una landing page di successo esistono almeno 3 elementi che non possono mancare.

  • Un messaggio
  • Un form da compilare
  • Una call to action

Questi tre elementi devono dialogare tra loro e soprattutto devono essere inseriti all’interno di un sistema grafico esteticamente bello, che si sposi bene con il carattere dell’azienda e con i suoi obiettivi, per esempio fare lead generation.

Il web design in una landing page è FONDAMENTALE. Forma e sostanza devono danzare insieme in un tango che catturi da subito chi guarda.

Nei 3 esempi di landing page che abbiamo scelto, tra quelli proposti da un articolo di Hubspot, grafica e testo lavorano insieme per raggiungere con successo il loro scopo.

UNBOUNCE
In questa landing page ci sono due elementi che risultano particolarmente efficaci.

  • Le immagini accompagnano lo sguardo verso la call to action: l’attenzione è subito rivolta al tasto che risalta anche per il colore – l’arancio è complementare all’azzurro.
  • Ogni modulo del corpo viene spiegato con una introduzione testuale ed esiste anche la possibilità di approfondire gli argomenti con singoli link: la landing in questo modo ha un enorme supporto del testo, che a sua volta è esaltato dai colori e dalle forme grafiche.
  • Unbounce Landing Page

IMPACT Branding&Design
Impact è un altro bell’esempio di come design e testo possono fondersi e creare ottimi risultati INSIEME. Il messaggio (Turn more of your blog readers into customers) è diretto a chi è già soddisfatto del proprio blog ma vorrebbe “ancora più conversioni”.

Il messaggio è chiaro e il target è ben inquadrato. Tutto il resto è costruito per creare interesse e far compilare il form al lettore con unico scopo “Aumentare le conversioni”.

Contrariamente al primo, questo esempio è quindi più minimal e più mirato ad un certo pubblico. Non ci sono collegamenti, nè feedback che potrebbero rafforzare l’utente a rispondere alla call to action. Chi legge conosce Impact ed è arrivato su quella pagina con le idee già chiare. Ha bisogno di rafforzare la sua mezza-decisione.

Impact Landing Page
Impact Landing Page

INBOUND EMOTION
Per terminare vogliamo proporti una landing page semplice ma dotata di alcune qualità facili da replicare e molto efficaci. Ancora una volta il rapporto tra grafica e obiettivi appare centrale.

Te la consigliamo se la tua azienda ha un carattere informale, moderno e un po’ giocoso. Ecco gli elementi che hanno attirato la nostra attenzione:

  • Il form rimane fisso sulla destra mentre si scrolla il resto della pagina
  • Il form chiede informazioni inconsuete e interessanti. La sensazione è quella di uscire a cena con qualcuno di interessante e ti chiede “Raccontami di più di te”.
  • Le mani che tengono fissato in alto il form o indicano le icone per condividere la pagina social.
  • L’icona per aprire la chat e parlare con l’azienda in tempo reale
Landing Page Inbound emotion
Landing Page Inbound emotion

Questi erano tre esempi da cui puoi prendere ispirazione per le tue landing page. Ricorda che prima della praticare devi comprendere bene a chi ti rivolgi, individuando un problema e proponendo la soluzione.

Ora che hai osservato dei casi reali, che ne dici di fare una chiacchierata con noi per capire davvero di cosa hai bisogno? Possiamo creare la landing page che ti serve e seguirti nel tuo processo di marketing online.

Scopri i nostri servizi e chiedici una consulenza!

Luigi Vargiu

Luigi Vargiu

Curioso. Tanto. Forse anche per questo ho scelto di essere imprenditore in un settore in continua evoluzione, sono infatti il CEO di Strogoff ed E-Commerce Strategist. Ho formazione liceale, una laurea in Economia e Commercio, vari corsi di alta formazione in campi trasversali e tanta voglia di imparare da chiunque io incontri. Amo il bello, canto, suono la chitarra e sto imparando a suonare il pianoforte. Ho una famiglia fantastica, che è la mia più grande fonte di consapevolezza e crescita.

Lascia un commento

Chiudi il menu

Newsletter

Non perdere nessun articolo, iscriviti adesso