fbpx

BLOG

Inbound Marketing nel settore manifatturiero: ecco perchè ti serve

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

inbound marketin manufattura

“Una strategia senza tattiche è il cammino più lento verso la vittoria. Le tattiche senza una strategia sono il clamore prima della sconfitta” – Sun Tzu

Non si vince una guerra improvvisando. Per raggiungere i risultati prefissati occorre individuare un metodo e impostare la strategia che porti, passo dopo passo, sino alla vittoria.

Questa necessità, vitale per le imprese, affiora anche e soprattutto nel settore manifatturiero, dove tutte le attività aziendali devono allinearsi, incastrarsi e lavorare in modo pro-attivo proprio come i meccanismi di un’enorme macchina produttiva.

Se dirigi un’azienda di questo tipo sicuramente hai notato che ormai le telefonate a freddo, le brochure e addirittura la partecipazione alle fiere di settore hanno perso con il tempo la loro efficacia. Il mercato è cambiato, così come le esigenze e le abitudini dei consumatore: è necessario conquistarlo per altre vie, e per farlo occorre allineare marketing e vendite in modo che lavorino insieme per raggiungere gli stessi obiettivi.

Impossibile? Assolutamente no! Ma per avere successo ti servono le regole giuste pensate per le aziende.

E io sono qui oggi per guidarti: ti parlo dell’Inbound Marketing e quali sono i vantaggi che offre ad un’azienda che come la tua opera nel settore manifatturiero.

Buona lettura!

Inbound Marketing nel settore manifatturiero: caratteristiche e vantaggi

La sensazione condivisa da te e dai tuoi colleghi è che il marketing tradizionale oggi non funzioni più come prima. Allora perchè accanirsi? Occorre cambiare approccio, affrontare il cambiamento

Come come si può fare? Esiste un metodo valido che porti una svolta anche nella tua azienda produttiva? La risposta è positiva, e basta guardarti intorno per comprendere quali sono oggi i mezzi usati da tutti, anche dai tuoi potenziali clienti (sì, anche se ti occupi di B2B).

Facebook, Whatsapp, e-mail e altri canali web, e-commerce, sistemi per l’analisi dei dati… nella tua mente tutti questi strumenti non hanno una struttura ben definita, ma assomigliano più ad un groviglio di possibilità che, fino a questo momento, non hai ancora avuto modo e voglia di districare. Ora la situazione te lo richiede.

È in questo contesto che entra in gioco l’Inbound Marketing, che contrariamente ai metodi tradizionali (come gli annunci a mezzo stampa, le telefonate a freddo ma anche l’invio massivo di e-mail promozionali a contatti non qualificati) permette di realizzare una serie di contenuti web mirati all’aumento di traffico qualificato e impostare un vero e proprio percorso (Sales Funnel) che trasformi il consumatore da perfetto sconosciuto a cliente fedele.

funnel nell'inbound marketing

Il metodo Inbound consente sia ai commerciali che agli addetti marketing di lavorare in sinergia grazie all’uso di un sistema unificato che registra tutti i passi degli utenti che accedono al sito web.

Il settore marketing si preoccupa di creare contenuti “sartoriali”, pensati cioè per le varie tipologie di utente realmente interessato ai tuoi prodotti. Questi potenziali clienti accedono al sito web, leggono i contenuti, si interessano ai servizi e prodotti offerti, lasciano un commento o compilano un form. In poche parole si palesano, lasciando il proprio contatto!

Passano così sotto la lente di ingrandimento dei commerciali che li ri-contattano personalmente e, in base alle informazioni ottenute precedentemente, possono stabilire una comunicazione più efficace e produttiva, perchè basata sulle reali esigenze manifestate dall’utente o meglio della buyer persona, di cui ti parlerò meglio dopo.

Come puoi ben capire, i contenuti (articoli del blog, social network, descrizioni nelle schede prodotto, landing page e tutto ciò che più generalmente gira intorno al Content Marketing) di qualità in questo contesto svolgono un ruolo cruciale: sono loro ad attirare all’interno del sito web il traffico qualificato.

Secondo una ricerca effettuata dal Content Marketing Institute sulle imprese B2B americane, l’85% dei produttori che usano il content marketing ha notato i seguenti cambiamenti nel sito:

  • aumento di traffico e vendite;
  • incremento dei contatti realmente interessati ai prodotti;
  • miglioramento del tasso di conversione (CTR) del proprio sito e-commerce.

Come si ottengono questi risultati? 

Sicuramente bisogna partire dai seguenti punti:

  • Non devi avere fretta
  • Devi affidarti a un’agenzia specializzata e qualificata
  • Hai bisogno di un’azienda specializzata in inbound marketing

Visto che operi nella manifattura ti faccio un esempio attinente per spiegarti di cosa ti sto parlando.
L’Inbond Marketing è una metodologia ben lontana da un “riparazione veloce”, si tratta più verosimilmente di una vera e propria rivoluzione, dove ogni elemento viene smontato per poi essere nuovamente assemblato in modo differente, aggiungendo e sostituendo dei pezzi, per permettere alla tua macchina aziendale di funzionare davvero e meglio.

Inoltre, per questo nuovo assemblaggio hai bisogno di una squadra di esperti, ogni improvvisazione porta a una sconfitta certa. Ogni contenuto deve essere realizzato per uno scopo, deve avere uno spazio preciso all’interno di un funnel capace di trasformare un estraneo in cliente. Così come i processi produttivi che ogni giorno porti avanti con la tua azienda, anche l’Inbound Marketing è caratterizzato da un vero e proprio sistema a catena, dove ogni elemento deve lavorare in modo integrato e ben organizzato per portare il processo alla fase successiva.

Quindi, da una parte l’azienda di marketing si occupa di individuare le buyer personas e portarle all’interno del sistema; dall’altra i commerciali devono contattare queste persone per offrire il servizio più indicato per loro.

Marketing e Vendite nell'inbound Marketing

Inbound Marketing: come iniziare?

Ci si muove per step.

Il primo è quello di rivedere profondamente le tue attività di marketing e identificare eventuali carenze e problematiche; in seguito è opportuno analizzare le performance del tuo sito web e trovare delle soluzioni per migliorarlo. Senza dimenticare di studiare e confrontarti con i competitor.

In base ai risultati di queste indagini, l’azienda di marketing può proporti di:

  • Mantenere il tuo sito attuale e lavorare su quello integrando alcuni elementi;
  • Smontare il sito web e ri-progettarlo per avere una buona base da cui partire.

Il sito viene poi implementato su un software studiato per l’Inbound Marketing, ovvero un sistema che consente di realizzare e tracciare tutte le attività inbound che ti ho elencato precedentemente: per esempio, traccia gli ingressi profilando i contatti, ti offre maggiori informazioni sugli utenti che commentano nel tuo blog o su chi si iscrive alla newsletter. Associa un account ad ognuno di loro e li inserisce in un sistema che ri-costruisce ogni mossa da loro effettuata sul tuo sito, e in alcuni casi ti dice addirittura se ti seguono sui social network.

Immagina la mole di informazioni nascoste che grazie a questo software puoi scoprire!

Lo scopo? Capire se quel contatto è “caldo”, ovvero se è pronto per essere una proposta commerciale o se ha bisogno di altri elementi per essere convinto. In poche parole, questo sistema ti aiuta a prevedere quante sono le possibilità di successo nel caso tu volessi ri-contattarlo.

Ma la cosa più importante è che questo sistema ti permette di concentrarti solo su potenziali clienti che davvero ti interessano. É un po’ come tracciare il profilo del “principe azzurro” e impegnarsi per trovarlo e conquistarlo, escludendo tutti gli altri.

Come puoi raggiungere questo obiettivo? Costruendo le tue buyer personas, clienti-tipo immaginari attorno a cui ruota ogni tua azione di Inbound Marketing. 

Questo concetto si basa sul fatto che la tua impresa si rivolge a tanti tipi di cliente diverso e tu devi essere in grado di individuare i bisogni di ognuno e soddisfarli, in modo che ognuno, per esigenze diverse, arrivi ad acquistare presso la tua azienda. Parti da qui per realizzare gli articoli del tuo blog, tenendo conto che puoi incontrare la tua buyer persona a diversi step del suo percorso o meglio del suo Buyer’s Journey!

buyer's journey

Come noti, questa metodologia è studiata nel dettaglio per consentire a chi si occupa di marketing o vendite di lavorare efficacemente insieme. È una vera macchina da guerra per il tuo business. Include tecnologia di ultima generazione; contenuti di qualità; profilazione del target e così via; analisi precisa dei dati mirata al miglioramento delle attività.

Vuoi fare crescere la tua azienda nel manifatturiero? Allora è il momento di affidarti ad un’azienda specializzata in Inbound Marketing che possa aiutarti davvero a seguire un metodo per aumentare le vendite. 

Strogoff è tra le poche aziende italiane specializzate e qualificate per farti intraprendere questo percorso. Vuoi saperne di più? Allora contattaci per una consulenza approfondita! 

Luigi Vargiu

Luigi Vargiu

Curioso. Tanto. Forse anche per questo ho scelto di essere imprenditore in un settore in continua evoluzione, sono infatti il CEO di Strogoff ed E-Commerce Strategist. Ho formazione liceale, una laurea in Economia e Commercio, vari corsi di alta formazione in campi trasversali e tanta voglia di imparare da chiunque io incontri. Amo il bello, canto, suono la chitarra e sto imparando a suonare il pianoforte. Ho una famiglia fantastica, che è la mia più grande fonte di consapevolezza e crescita.

Lascia un commento

Chiudi il menu

Newsletter

Non perdere nessun articolo, iscriviti adesso