Il successo di Sephora e l’integrazione tra online e offline

successo di Sephora e l'integrazione tra online e offline 

Il termine Sephora deriva dall'ebraico "Tzipporah" e significa bella. E questo è il nome che identifica uno dei maggiori brand legati al mondo della cosmesi, della profumeria ed in generale il mondo della bellezza. 

La società francese nasce nel 1973 e, qualche anno più tardi, viene acquisita dalla LVMH, un acronimo che ai più non dirà nulla ma che rappresenta l'unione tra due colonni del beauty: Louis Vuitton e Moet Hennessy. 

Nonostante i 45 anni di età, Sephora rappresenta oggi uno dei marchi più innovativi e all'avanguardia del settore, capace di coinvolgere la propria clientela grazie all'uso strategico dei Big Data e l'ottima integrazione tra online e offline

Insomma, Sephora riserva tante sorprese in fatto di marketing multicanale. E allora potevamo non inserirlo tra i nostri Casi Studio? Assolutamente no: merita un posto a tutti gli effetti. Ma tu dirai: "Eh facile essere scelti da Strogoff con tutti quei soldi a disposizione da investire in marketing".

A dire la verità, la strategia di Sephora può darti tanti spunti da applicare anche in una scala più ridotta, in particolar modo se al tuo e-commerce affianchi anche un punto vendita.

Allora, ti abbiamo convinto? Continua a leggere e preparati ad accendere tante lampadine, bellissime lampadine!

Sephora: tra Big Data e Realtà Aumentata

Il 2017 è stato un anno estremamente positivo per Sephora: il gruppo ha registrato una crescita del 12% dei ricavi confermandosi una delle maggiori realtà del settore, capaci di far sbiancare pure colossi come Amazon. La crescita ha coinvolto non solo i 700 punti vendita sparsi in tutto il mondo, ma anche l'e-commerce, un luogo virtuale capace di attirare sempre più clienti. La commistione tra reale e virtuale è gestita nel migliore dei modi e questo permette all'azienda di intercettare un pubblico molto vasto.

Insomma, la ricetta di Sephora è gustosa al punto giusto, innovativa, azzeccata e pensata per il palato sopraffino del suo pubblico. E noi abbiamo pensato di svelarti gli ingredienti che la rendono così speciale. 

Vediamo i punti di forza.

La tecnologia viene usata anche a sopratutto nel punto vendita

Chi l'ha detto lo sfruttamento dei Big Data, la realtà aumentata o l'intelligenza artificiale sono tecnologie confinate all'e-commerce e alle strategie di marketing digitale? Sephora (così come altri marchi) ci mostra come queste possano costituire un punto di forza anche quando ci si relaziona con il cliente nel negozio fisico. 

Il brand sa bene che oggi è impossibile slegare esperienza digitale e fisica, ecco perchè ogni tecnologia viene usata sapientemente anche nel negozio fisico. Vediamo come.

Nei negozi più piccoli, che non possono contenere ampie disponibilità di prodotti i commessi hanno dei dispositivi mobili che usano per prenotare direttamente i prodotti ai clienti che non trovano in loco qualcosa in particolare. Il dispositivo consente di prenotare facilmente il prodott e ritirarlo in negozio anche in meno di 24 ore. 

Non solo, diversi negozi inglesi hanno eliminato le tradizionali casse per dare la possibilità ai clienti di fare il check out tramite il dispositivo affidato al personale: basta rivolgersi ad un commesso per scegliere, acquistare/prenotare subito gli articoli scelti, senza avere il disturbo di passare per le casse. Chi non ha mai cambiato idea e ha deciso di annullare un acquisto proprio mentre era in fila? In questo modo si favorisce l'acquisto di impulso evitando pericolose attese alla cassa.

Da ciò si capisce che uno dei punti forti di Sephora è proprio quello di formare dipendenti che siano, non solo consulenti di bellezza, ma anche abili nell'uso delle nuove tecnologie. 

vetrina digitale di un negozio Sephora

La cliente è al centro

Ma l'uso delle nuove tecnologie non riguarda solo l'esperienza d'acquisto generale, ma anche quella relativa a prodotti particolari. Pensiamo, per esempio al fondotinta: da sempre le donne devono cambiarne tanti prima di trovare la tonalità adatta al colore della pelle. Non è vero? Sephora, che conosce bene le esigenze delle proprie clienti, ha saputo raggirare l'ostacolo grazie al servizio Color IQ, che scansiona il colore della pelle delle clienti e assegna un codice che identifica la giusta tonalità di fondotinta. Il codice assegnato può essere usato negli acquisti online e offline. Il risultato è il frutto di una tecnologia fondata su basi scientifiche, capace di captare e soddisfare il bisogno di ogni singola cliente, in un ottica di consulenza tailor made, proprio come se dall'altra parte ci fosse una consuente in carne ed ossa.

color-iq

Un altro servizio offerto grazie all'uso dell'intelligenza artificiale si chiama "Virtual Artist"  e consente di avere una lista di prodotti di make up specifici in base alla propria carnagione e ai propri gusti. Se una cliente non sa quale prodotto acquistare, in molti negozi trova un display che, dopo averle fatto un selfie le permette di vedere applicati prodotti di colori diversi e quindi scegliere quello che più le piace.

make up e tecnologia sephora

Le clienti possono condividere le proprie fotografie, tutorial, trucchi, recensioni e consigli su una community molto attiva chiamata Beauty Insider, che permette alle iscritte di avere tanti vantaggi, tra cui una box personalizzata il giorno del compleanno. 

Come puoi notare, Sephora offre numerosi servizi personalizzati alle proprie clienti, ma secondo il principio del "do ut des" ovvero dare per ricevere, il brand in questo modo acquisisce anche tanti, tanti dati personali utili per costruire una strategia di marketing mirata ed efficace.

E tu cosa puoi fare nel tuo piccolo? Naturalmente pensare di costruire un impero fatto di interazione, realtà aumentata e innovazione portata ai massimi livelli è complesso, ma puoi iniziare dai piccoli passi, come quello di raccogliere quante più informazioni sui tuoi clienti e sfruttarle per offrire prodotti e servizi mirati oppure puoi dotarti di un computer o tablet che permette ai clienti del tuo negozio fisico di fare gli acquisti online nel caso in cui non hai disponibilità immediata di un prodotto richiesto. Inoltre puoi abbassare le barriere tra online e offline e pensare ad una strategia multicanale, che coinvolga tutti gli spazi virtuali e fisici che usi per arrivare al tuo pubblico. 

Insomma, Sephora offre numerosi spunti che possono essere applicati in ogni settore. Questo caso studio ti ha suggerito qualche iniziativa? Allora scrivici nei commenti, ti aiuteremo ad esprimerla al meglio o ti offriremo il nostro punto di vista e altri consigli.

Comprendere, analizzare, progettare e mettere in pratica. Tante attività un solo obiettivo: vendere. Vuoi raggiungere con successo risultati reali? Fatti guidare: scopri subito cosa abbiamo pensato per te. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *