fbpx

BLOG

Dove pubblicizzare l’e-commerce? Ad ogni social una tipologia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

I social network hanno assunto, ormai, un’importanza enorme per l’e-commerce.

Ma per avere realmente dei vantaggi da queste piattaforme è necessario scegliere accuratamente quelle più adatte al proprio negozio online.

Facciamo una carrellata di tutte le opportunità offerte dai social network!

Social media ed e-commerce: uniti dal destino

I social media e l’e-commerce sembrano i protagonisti di una lunga e travagliata storia d’amore: quelle dove due sconosciuti che sembrano non avere niente in comune, si incontrano per caso per non lasciarsi più e rafforzare con il tempo il loro legame.

È proprio così: i social network sono sempre più importanti per il successo degli e-commerce, grazie soprattutto alla diffusione di acquisti da mobile che ha caratterizzato l’inizio di una nuova era, chiamata social-commerce.

Oggi i social network non servono unicamente per far conoscere l’azienda o fare branding ma riescono anche a far vendere direttamente i negozi online grazie a campagne pubblicitarie profilate nei minimi dettagli e l’implementazione del bottone per l’acquisto su molte piattaforme.

I social network quindi intervengono in ogni fase del processo di acquisto: dall’awareness, la raccolta di informazioni e la conoscenza dell’azienda, al coinvolgimento, fino all’acquisto e al passaparola, attraverso la condivisione online di post, prodotti, immagini e così via.

Non basta, queste piattaforme sono frequentate dagli utenti praticamente tutto il giorno. In particolare Facebook, che con le sue notifiche e aggiornamenti, ci tiene incollati allo schermo fino a tarda notte.

Un altro punto forte dei social media è che, tutte le azioni dell’utente sono registrate dai siti web e quindi è possibile proporgli dei prodotti a cui lui è realmente interessato, quando entra in un social media. Ti sei mai chiesto perché su Facebook ti appare il vestito che guardavi due giorni prima su Amazon? Questione di Remarketing!

Sarah's Scribbles Italia
Fonte: Sarah’s Scribbles Italia

Ma attenzione, i social network non sono tutti uguali: alcuni sono più adatti a determinate tipologie di e-commerce, altri possono essere usati in ogni settore, ma tutti offrono particolari caratteristiche alle aziende.

Vediamo quali sono le peculiarità dei social media più usati e per quale tipologia di e-commerce sono più indicati!

Nel dubbio, iscriviti su Facebook

Facebook è il social network più usato al mondo, adatto ad ogni tipo di e-commerce, anzi consigliatissimo per promuovere qualunque business!

È un vero colosso, capace di sostenere diverse attività di marketing. Consente di:

  • Aprire una pagina aziendale (Attenzione: una pagina non un profilo privato!)
  • Fare campagne pubblicitarie a pagamento

Facebook ha una soluzione per ogni settore: dalla vendita di automobili, alla quella di servizi finanziari.

Consente sia a chi ha un negozio al dettaglio, sia a chi ha un e-commerce, di comunicare efficacemente con il target e di realizzare una marea di iniziative per coinvolgere gli utenti e portarli ad acquistare: eventi, concorsi e soprattutto i video, sui cui la piattaforma si sta concentrando nell’ultimo periodo.

Facebook ha realizzato una pagina apposita per mostrare tutte le opportunità offerte agli e-commerce.

Inoltre, da pochi mesi, questo social network sta sperimentando un tasto Buy che permette agli utenti di fare acquisti online senza uscire dalla piattaforma, in questo modo le pagine aziendali diventerebbero dei veri piccoli e-commerce, molto simili a quelli dei marketplace.

Il tasto "Buy" di Facebook
Il tasto “Buy” di Facebook

Le opportunità sono tante, perciò, qualsiasi sia il tuo e-commerce, noi ti consigliamo caldamente di investire tempo e denaro in una strategia di marketing su Facebook.

LinkedIn: il social network per i professionisti

LinkedIn è consigliato per tutti coloro che hanno un e-commerce B2B e vogliono aumentare la rete di collaboratori.

Per esempio, chi è un grossista o un tour operator può farsi conoscere, non solo creando una pagina aziendale sulla piattaforma, ma anche facendo rete con i propri colleghi o persone del proprio settore.

Un particolare successo, su LinkedIn è dato dai gruppi: forum tematici molto popolati e frequentati da professionisti che discutono di argomenti attinenti il proprio lavoro.

Anche qui è possibile realizzare degli annunci pubblicitari, mirati alle aziende e ai professionisti, con lo strumento LinkedIn Ads.

annunci su LinkedIn
Annunci su LinkedIn

Questi annunci permettono di intercettare un target specifico di professionisti, più difficili da scovare, per esempio su Facebook, dove molti non rivelano la propria professione o il settore in cui lavorano.

Questa soluzione è consiglia per aziende che offrono servizi o, perché no, per chi ha un e-commerce di gadget e regali aziendali.

Oltretutto, secondo uno studio recente, LinkedIn è un’ottima piattaforma per fare Lead Generation:

LinkedIn Lead Generation

Google Plus per il tuo Business (e per la SEO)

Google Plus permette di creare due tipi di account: una pagina Local (più adatta ai negozi fisici) e una pagina Business, maggiormente consigliata a chi ha un e-commerce.

Avere una pagina aziendale aggiornata in questa piattaforma, consente di essere maggiormente rintracciabili anche nel motore di ricerca. Perciò ti consigliamo di condividere spesso foto, video, collegamenti al sito e post di ogni tipo e arricchirli anche con degli hashtag, che servono per aggregare i post in base a parole chiave specifiche.

Inoltre, su Google Plus è presente la possibilità di usare Hangout, ovvero una chat che consente di fare l’assistenza clienti senza installare un tool aggiuntivo sul proprio sito web.

Anche Google Plus è consigliato per ogni tipo di e-commerce!

Twitter: un aiuto per il tuo Social Care

Non possiamo parlare di hashtag, senza pensare a Twitter!

Questa piattaforma di micro-blogging consente di aumentare i propri follower scrivendo testi di 140 caratteri. Per aumentare la loro visibilità e le condivisioni (retweet) è meglio inserire degli hashtag attinenti, sfruttando anche e soprattutto i trend.

Twitter (insieme a Facebook) può essere un ottimo mezzo per il Social Care del tuo e-commerce, ovvero l’assistenza clienti effettuata tramite i social network che consente di dare risposte in modo veloce e renderle visibili anche ad altri utenti.

In un articolo precedente abbiamo parlato della differenza tra Facebook e Twitter.

Anche su Twitter è possibile realizzare annunci pubblicitari tergetizzati e presto (anche qui) verrà introdotto un tasto Buy per tutti i tweet sponsorizzati.

Instagram e Pinterest: immagina, puoi… acquistarlo!

Queste due piattaforme si basano sulla forza delle immagini, e per questo sono perfette per tutti gli e-commerce che puntano molto sull’impatto estetico dei prodotti: innanzitutto moda, ma anche arredamento, design e food.

Queste piattaforme, a dire la verità, sono ottime anche per chi ha un negozio online di prodotti artigianali o per chi non si accontenta di una piattaforma mainstream come Facebook, ma vuole svelare ciò che avviene dietro le quinte della propria azienda.

Queste due piattaforme, partite un po’ in sordina, negli ultimi due anni hanno registrato un boom di iscritti e utenti attivi, tanto che si sono mosse per venire incontro anche alle esigenze delle aziende: hanno implementato la possibilità di fare annunci e stanno sperimentando (anche loro) il Tasto Buy.

Abbiamo già parlato di come usarle, introducendo anche dei casi pratici, in un articolo precedente.

Ma oggi facciamo qualche passo avanti, cercando di fare un punto su tutte le novità per le aziende.

  • Pinterest ha visto crescere i suoi utenti del 150% solo nel 2014 e questo ha invogliato molte aziende a scommettere su questa piattaforma. Questo canale è uno dei migliori quando si parla di conversioni, anche perché è possibile trasformare le fotografie (organizzate in bacheche) in piccole schede prodotto che linkano direttamente all’e-commerce. Shopify ha realizzato un’infografica che spiega tutti i vantaggi di Pinterest per l’e-commerceNel 2015 è arrivato anche Pinterest Shop, un negozio virtuale rivolto ai 100 milioni di utenti registrati attualmente sulla piattaforma. Con questo servizio, Pinterest implementerà nel suo canale una serie di negozi interni, proprio come quelli immaginati da Facebook. Nel frattempo il tasto Buy è stato introdotto per iPhone e iPad e si appresta a scatenare lo shopping compulsivo di tanti utenti che non si limiteranno solo a “pinnare”.
  • Anche sul fronte Instagram non mancano le novità. Innanzitutto, la possibilità di visualizzare il profilo non solo dall’App Mobile, ma anche dallo schermo del computer. E guarda caso, l’interfaccia è molto simile a quella di Pinterest!Pagina Web di Instagram per DesktopLe immagini, però, si possono caricare unicamente da mobile, mentre il profilo da pc serve solo per visualizzarle. in tutti i loro pixel di bellezza.D’altronde è anche giusto: certe foto sprigionano tutta la loro potenza in uno schermo ampio come quello di un computer, piuttosto che uno smartphone.La forza di Instagram è sicuramente il contesto: le foto dei prodotti che hanno più successo sono quelle inserite in un ambiente specifico e ben studiato e, soprattutto, ogni fotografia deve essere collegata a degli hashtag.Un’altra novità di Instagram sono le immagini sponsorizzate, che da poche settimane sono apparse anche nella versione italiana. Naturalmente, anche qui, gira voce di un testo Buy che permetterà di acquistare senza uscire dal social network.

Insomma, lo scenario del social commerce è in continua evoluzione e non resta che rimanere connessi per conoscere i risvolti di questa “storia d’amore” tra social e negozi online.

Se vuoi promuovere il tuo e-commerce con una strategia di social media marketing su misura, non devi far altro che chiederci una consulenza!

Vuoi migliorare il tuo business online?
Luigi Vargiu

Luigi Vargiu

Curioso. Tanto. Forse anche per questo ho scelto di essere imprenditore in un settore in continua evoluzione, sono infatti il CEO di Strogoff ed E-Commerce Strategist. Ho formazione liceale, una laurea in Economia e Commercio, vari corsi di alta formazione in campi trasversali e tanta voglia di imparare da chiunque io incontri. Amo il bello, canto, suono la chitarra e sto imparando a suonare il pianoforte. Ho una famiglia fantastica, che è la mia più grande fonte di consapevolezza e crescita.

Lascia un commento

IL METODO STROGOFF

Avviare un e-commerce richiede il coraggio e l’intraprendenza dell’imprenditore, ma anche la competenza e la professionalità di chi dovrà trasformare l’idea in realtà.

Per questo motivo abbiamo ideato un METODO che ci consente di analizzare la tua idea di business e di fornirti tutti gli strumenti per affrontare lo sviluppo digitale della tua azienda.

Chiudi il menu

RIMANI CON NOI?

Iscriviti alla newsletter, e mail dopo mail diventa un vero guru!