Dove eravamo finiti?

Dove eravamo finiti? Siamo tornati, dopo aver passato un lunedì nero, tra macabri messaggi in arabo e un impegno repentino per ripristinare il nostro sito web (almeno le funzioni principali).

Ma cosa è successo?

Ieri mattina, con gli occhi assonnati come ogni lunedì, abbiamo individuato un attacco hacker al nostro sito. Al posto dell’home page campeggiava una scritta bianca su sfondo nero accompagnata da una scritta lapidaria e inquietante “Hacked by Islamic State (Isis) – We are everywhere ;-)” (Attaccato dallo stato Islamico – ISIS - noi siamo ovunque). Non fatevi prendere dal panico. Abbiamo prontamente oscurato il messaggio per sostituirlo con una home page temporanea recante i nostri contatti principali. Ora che finalmente il problema è risolto, vogliamo tranquillizzare tutti, abbiamo verificato i siti internet dei nostri clienti e ristabilito la situazione sul nostro. Non sappiamo quale sia la vera origine del sabotaggio ma sicuramente è stato un brutto scherzo. Comunque sia, attendiamo di comprendere meglio i dettagli della vicenda che ha visto coinvolte diverse aziende italiane ed estere. Vi aggiorneremo su ulteriori sviluppi. Grazie a tutti per le attestazioni di stima e per il sostegno. 42

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *