fbpx

BLOG

Cosa vuol dire costruire un piano di marketing?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

costruire-piano-marketing.jpg

Il Piano di Marketing è un documento chiave per un’azienda, perchè traduce sul piano operativo gli obiettivi e le decisioni prese in fase di progettazione.

Quali sono le attività necessarie ad ottenere traffico al sito web? E quelle utili per fare branding? Come aumentare conversioni e ridurre il tasso di abbandono del carrello? In base all’obiettivo impostato è necessario inserire all’interno del piano un’attività specifica.

Se non si individuano e pianificano le giuste attività, il rischio è quello di impegnare tempo e risorse in qualcosa di inutile e poco proficuo per l’azienda. Inoltre, oltre al modo più utile per raggiungere un obiettivo, occorre anche decidere le tempistiche e il budget per portare a termine i lavori.

Tutte queste informazioni trovano spazio all’interno di un piano di marketing!

Come vedi è molto facile perdersi, per tale motivo ti consigliamo di seguire un metodo per la sua costruzione. Ne esistono tanti, uno di questi è rappresentato dal Ciclo PDCA (Plan, Do, Check, Act).

Vediamo nel dettaglio cosa vuol dire costruire un piano di marketing e come farlo in base alle differenti fasi del Ciclo PDCA.

Il Ciclo PDCA all’interno del Piano di Marketing: come si applica?

Qual è il legame tra il Piano di Marketing e il Ciclo PDCA (Plan, Do, Check, Act)?

Il Ciclo è composto da differenti fasi che permettono di pianificare, implementare, controllare e migliorare le attività aziendali online.

Quali sono i rischi e le opportunità di portare la tua impresa online? Ne abbiamo parlato in un articolo precedente!

Analizziamo nel dettaglio i 4 momenti che compongono il Ciclo PDCA.

Ciclo PDCA

PLAN – PIANIFICAZIONE

In questa fase si analizza il contesto interno ed esterno, si individuano gli obiettivi e si stende la pianificazione.

A tal proposito, per ottimizzare l’analisi si può ricorrere alla matrice SWOT che permette di studiare la situazione interna all’azienda (Punti di forza e debolezza) ed esterne (Opportunità e minacce).

swot (1).png

Quando si individuano le criticità e i punti di debolezza occorre anche studiare quanto questi incidano sulle performance dell’azienda.

In base all’analisi SWOT si individuano i problemi e si procede con l’identificazione delle soluzioni: in altre parole si impostano gli obiettivi!

In base a questi gira tutto il piano di marketing. In base agli obiettivi individuati si decide come agire per raggiungerli.

Ed è proprio in questa fase che si procede con l’individuazione e la pianificazione delle attività concrete di web marketing.

Come ti abbiamo già detto in un articolo precedente, le attività da mettere in pratica possono essere tante ma esse devono essere scelte e impostare all’interno di un preciso marketing mix.

Quando parliamo di Marketing Mix intendiamo la combinazione degli strumenti usati per raggiungere determinati obiettivi.

In questa fase intervengono anche gli Indicatori di performance o KPI (Key Performance Indicators), ovvero dei parametri che permettono di stabilire i risultati ottimali da raggiungere. Permettono di misurare la performance dell’azienda!

Dopo aver deciso tempi e modi di realizzazione, si procede con la fase successiva: DO!

DO – IMPLEMENTAZIONE

Arriva il momento di mettere in pratica ciò che, fino a questo momento, si è solo pianificato. Anche queste attività fanno parte del piano di marketing: serviranno a capire come gestire ogni fase. Per tale motivo, occorre studiare ogni movimento e soprattutto tutte le REAZIONI a particolari AZIONI.

Quali risultati ha prodotto il Piano SEO? E la strategia di Social Media Marketing? Le campagne su AdWords? Impariamo ad osservare e registrare ogni risultato, secondo quanto impostato con i KPI.

Le attività implementate sono quelle inserite anche nel preventivo!

CHECK – CONTROLLO

Questo momento si sviluppa contemporaneamente a quello precedente e permette di modificare e migliorare il piano di marketing in base al raggiungimento dei risultati attesi.

ACT – AZIONE

Ecco che il piano diventa ESECUTIVO!

Naturalmente non devi cullarti su ciò che hai attuato fino a questo momento, ma iniziare perennemente il Ciclo, ovvero porti sempre nuovi obiettivi per MIGLIORARE costantemente la tua strategia.

L’unico obiettivo che rimane costante è quello di fornire sempre una RISPOSTA che sia in linea con la DOMANDA del tuo mercato, mutevole e veloce.

Va da sè, che devi essere sempre pronto a cambiare ed evolverti; cercando nuovi piani che ti permettano di raggiungere risultati in modo più veloce ed efficace.

In ogni caso non preoccuparti se il Piano A fallisce perchè l’alfabeto è composto da altre 25 lettere! 😉

Comprendere, analizzare, progettare e mettere in pratica. Tante attività un solo obiettivo: vendere. Vuoi raggiungere con successo risultati reali? Fatti guidare: scopri subito cosa abbiamo pensato per te!

{{cta(‘8eb215df-6453-4db0-8b9e-b0fb44dac469’)}}

 

Luigi Vargiu

Luigi Vargiu

Curioso. Tanto. Forse anche per questo ho scelto di essere imprenditore in un settore in continua evoluzione, sono infatti il CEO di Strogoff ed E-Commerce Strategist. Ho formazione liceale, una laurea in Economia e Commercio, vari corsi di alta formazione in campi trasversali e tanta voglia di imparare da chiunque io incontri. Amo il bello, canto, suono la chitarra e sto imparando a suonare il pianoforte. Ho una famiglia fantastica, che è la mia più grande fonte di consapevolezza e crescita.

Lascia un commento

Chiudi il menu

Newsletter

Non perdere nessun articolo, iscriviti adesso