fbpx

BLOG

Come scrivere i testi per l’e-commerce ottimizzati per la SEO

scrivere un testo seo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

L’espressione “Content is the king” ormai è diventata il mantra di qualsiasi copywriter. Dietro questa espressione è nascosta una grande verità: senza contenuti di qualità, il tuo sito internet avrà minori possibilità di scalare i risultati di Google, interessare l’utente e vendere. La vera differenza tra un copywriter e un web writer è proprio questa: il primo deve scrivere testi capaci di convertire, trasformando l’utente in cliente. Oggi, un e-commerce per vendere deve passare attraverso i motori di ricerca, per tale motivo è fondamentale che i contenuti vengano ottimizzati per la SEO.

E-commerce: le tre caratteristiche fondamentali di un testo SEO

I testi di un e-commerce devono avere tre elementi principali:

  • Devono essere SEO friendly, ottimizzati per i motori di ricerca.
  • Devono risultare User Friendly, leggibili e interessanti per l’utente.
  • Devono convertire.

Accanto alle pagine statiche, il copywriter si deve concentrare sull’ottimizzazione di due sezioni in particolare:

  • Blog: cattura il traffico qualificato principalmente dai motori di ricerca e, se ben scritto, crea una community di lettori appassionati dell’argomento e li pilota all’acquisto.
  • Schede prodotto: portano le vendite effettive al sito web.

Queste due sezioni devono lavorare insieme per aumentare il traffico e la clientela: come? Il primo passo è l’applicazione delle regole SEO sul testo per migliorarne il posizionamento tra i risultati di Google e altri motori.

Ottimizzare testi per la SEO: le Keyword

Ogni pagina web dell’e-commerce è ottimizzata per una parola chiave primaria, ma è necessario inserire nel testo anche sinonimi e parole chiave secondarie per puntare alla così detta longtail.

Se per esempio, l’e-commerce si occupa di telefonia, una pagina prodotto potrebbe essere ottimizzata per la keyword principale Samsung Galaxy S6 mentre le parole chiave secondarie potrebbero essere Smartphone Galaxy S6, cellulare Samsung o semplicemente Galaxy S6.

Per organizzare l’ottimizzazione delle pagine ti consiglio di creare un documento excel e scrivere per ogni pagina del tuo sito le keyword principali e secondarie in base alle quali verrà creato il tuo testo.

Le keyword specifiche e più lunghe sono più facili da posizionare rispetto a quelle generiche. Questo discorso è particolarmente interessante per gli e-commerce perché le persone più interessate all’acquisto tendono a cercare online il nome esatto del prodotto.

Ti faccio di nuovo l’esempio dei telefoni: chi vuole acquistare uno smartphone, prima si informa ricercando parole generiche e poi, dopo aver valutato, digita sul motore di ricerca il prodotto.

Se il tuo sito non è ancora autorevole, ti consigliamo di iniziare con l’ottimizzazione di keyword più specifiche per intercettare la nicchia di mercato che ti interessa!

long-tail

Le stesse regole valgono per il blog: ogni post conterrà una parola chiave principale e diverse parole chiave secondarie, senza dimenticare la coda del dinosauro!

Scopri di più sul nostro blog: “Long tail, cosa è e come si applica in una strategia SEO

Ti suggerisco due tool online per trovare le parole chiave da usare nel tuo testo ottimizzato: Google AdWords Keyword Planner, che ti consente di comprendere la portata delle diverse parole chiave, e Google Trends, che ti aiuta a confrontare due o più keyword differenti, valutando il volume di ricerca nel lungo periodo.

Dopo aver individuato le keyword principali e secondarie del tuo testo, arriva il momento di inserirle nei punti giusti, tenendo conto di tre fattori.

Distanza, posizione e densità: testi SEO Friendly

Dove posizionare le keyword principali e secondarie?

Nei titoli H1 e H2: ricorda che nello stesso testo deve essere presente un solo titolo in H1 seguito da uno o più sottotitoli in H2. Il titolo e il sottotitolo devono contenere la keyword principale. Se inserisci più H2 cambia la parola chiave, inserendo quella secondaria o sinonimi.

Nel permalink: ovvero nella URL che identifica la tua scheda prodotto o il post del tuo blog

Nel testo, facendo attenzione alla densità, cioè la keyword density: quale deve essere la densità della parole chiave principale all’interno del testo? Cerca di non esagerare, perché potresti essere penalizzato per keyword stuffing. Evita le filastrocche:

keyword-stuffing

Non abusare della keyword principale, rischi di essere ripetitivo anche per chi ti legge! Alternarla con le keywords secondarie è una buona regola, anche dal punto di vista SEO.

Ricorda che Google apprezza l’inserimento di parole chiave all’inizio del testo, ovvero nella parte alta: il massimo sarebbe iniziare il tuo testo con la tua keyword principale.

Infine, non dimenticare di inserire all’interno del testo dei link interni diretti alle schede prodotto dentro un anchor text ovvero l’insieme delle parole chiave che identificano il link.

Queste regole valgono per tutti i testi di un e-commerce, che siano schede prodotto, pagine statiche o articoli del tuo blog.
Non dimenticarti la regola più importante: SEO e leggibilità sono strettamente legate tra loro, non sacrificare mai la leggibilità per la SEO. Se l’utente trova interessanti le tue pagine, rimarrà nel sito web e il tempo di permanenza influirà anche per Google sul posizionamento del tuo e-commerce.

Ora puoi iniziare a scrivere i testi per il tuo negozio online o modificare quelli già presenti.

E se vendere 24 ore al giorno non ti basta, scarica la nostra guida per e-commerce compilando il form in alto a destra.

Buon divertimento!

 

Luigi Vargiu

Luigi Vargiu

Curioso. Tanto. Forse anche per questo ho scelto di essere imprenditore in un settore in continua evoluzione, sono infatti il CEO di Strogoff ed E-Commerce Strategist. Ho formazione liceale, una laurea in Economia e Commercio, vari corsi di alta formazione in campi trasversali e tanta voglia di imparare da chiunque io incontri. Amo il bello, canto, suono la chitarra e sto imparando a suonare il pianoforte. Ho una famiglia fantastica, che è la mia più grande fonte di consapevolezza e crescita.

Questo articolo ha 2 commenti.

  1. Complimenti, articolo interessante breve e conciso. Terrò conto di questa guida nelle mie prossime descrizioni prodotto.

    Grazie.

    1. Grazie Francesco, siamo felici di averti aiutato. Buona giornata. Francesca – Strogoff

Lascia un commento

Chiudi il menu

Newsletter

Non perdere nessun articolo, iscriviti adesso