Come attirare l’attenzione degli utenti del tuo sito

attirare-clienti-ecommerce.jpg

L'attenzione non si paga, come ha detto Seth Godin. E probabilmente è proprio per questo che il 73% degli utenti abbandona un sito e-commerce in meno di due minuti se non trova ciò che cerca. 

Lo abbiamo letto nel Calendario e-commerce 2016 distribuito da Prestashop, ma lo avevamo sempre sospettato: per aumentare le conversioni occorre sempre avere un occhio di riguardo verso il cliente e creare una strategia che lo attragga fin dal primo accesso.

Se vuoi essere veramente efficace devi fare come il coccodrillo che, quando dorme, tiene sempre un occhio aperto. Tu, allo stesso modo, non rilassarti troppo: ecco le strategie per attirare l'attenzione degli utenti sul tuo e-commerce!

Hai 15 secondi per catturare la sua attenzione

Partiamo da un dato: secondo gli studi di Tony Haile riportati da Hubspot, ogni sito web ha a disposizione 15 secondi per catturare l'attenzione di un visitatore. 
Se in questo breve lasso di tempo riesci nel tuo intento, l'utente ti darà fiducia e continuerà a navigare nelle tue pagine o leggere i tuoi articoli. In caso contrario chiuderà tutto. 

E questo non succede solo in un sito web, ma anche in altri canali comunicativi, come le newsletter

Ricorda, nel tuo negozio online, l'utente non rimarrà impalato a cercare il pulsante per acquistare, nè il "Leggi di più..." e non starà a lungo su una pagina mal organizzata. In poche parole, non ti regalerà la sua attenzione: te la devi guadagnare.

In poche parole, sei tu che devi usare tutte le tecniche a disposizione per attirarlo, accoglierlo e accompagnarlo verso l'acquisto.

Per questo motivo, quando costruisci il tuo sito web devi concentrarti principalmente su tre macro aree:

Vediamo ora nel dettaglio quali sono gli elementi da inserire nel tuo e-commerce per permettere all'utente di trovare subito ciò che cerca ed essere attratto da particolari prodotti. 

Attrarre i visitatori del tuo e-commerce: cosa non può mancare

Solitamente, quando un utente atterra su una pagina del tuo sito web sa già cosa vuole: spesso il traffico arriva da una ricerca organica, ma può anche essere un ingresso diretto o da un altro canale (come un link da un articolo esterno o interno o dai social media...).

Il tuo obiettivo è soddisfare subito le sue aspettative proponendo una pagina web ben organizzata con una struttura chiara, arricchita da elementi grafici studiati nei minimi particolari e testi accattivanti e persuasivi

A tal proposito, ricorda sempre che un un-ecommerce di successo è un e-commerce USABILE, che non significa solo facile da usare, ma anche capace di portare l'utente verso l'acquisto, senza farlo pensare molto.

A tal proposito, vogliamo consigliarti un libro molto utile e illuminante che ti aiuterà a pensare al tuo sito in modo nuovo e funzionale: "Don't Make Me Think" di Steve Krug racconta l'usabilità in modo leggero e divertente, accendendo tante lampadine per il miglioramento delle pagine web.

Ma quali sono gli elementi capaci di attirare l'attenzione del visitatore e non farlo perdere anche dentro un e-commerce complesso e ricco di informazioni? 

A noi sono venuti in mente questi:

  1. Suddivisione in categorie
  2. Breadcrumb
  3. Ricerca interna
  4. Ricerca per filtri
  5. Etichette personalizzate 
  6. Call to action

SUDDIVISIONE IN CATEGORIE

Quando realizzi il tuo e-commerce una delle prime cose da fare è suddividere tutti i prodotti in macro e sotto categorie, questo ti permette di raggruppare e organizzare meglio il catalogo, consentendo all'utente di trovare subito ciò che cerca. 

In passato i menu erano organizzati soprattutto in tante categorie che racchiudevano solo poche sotto cateogie, questi elenchi interminabili si sviluppavano in verticale ai lati della pagina web. Questo distraeva l'utente, lo obbligava a scansionare con lo sguardo tutte le categorie prima di trovare quella giusta e a scrollare con il mouse verso il basso per arrivare in fondo all'elenco.

Per tale motivo, negli e-commerce moderni, aumentano i menu orizzontali dropdown (aprono la finestra con le sotto categorie al passaggio del mouse) con con poche macro categorie e molte sotto categorie. Ecco un esempio di menu orizzontale tratto da Ortopediasanitariashop.it

categorie-menu-orizzontale .png

Un altro esempio lo troviamo nel sito Ray Ban, qui non ci sono icone grafiche che richiamano alla categoria ma fotografie che rappresentano ciascuna sottocategoria:

menu-ray-ban.png

Sicuramente questo tipo di menu, arricchito con un elemento grafico che richiama la categoria principale (come nel primo caso) o la singola sotto categoria (come nel secondo caso) può attirare l'attenzione del visitatore e aiutarlo a trovare ciò che cerca in modo più immediato. 

Passiamo ora alle briciole di pane, gli elementi più amati da Pollicino e non solo...

BREADCRUMB

I breadcrumb o briciole di pane segnalano all'utente il percorso fatto per arrivare alla pagina che visita in un determinato momento. In questo modo ha traccia degli step eseguiti fino alla sua posizione. 

Nelle pagine web, queste utili informazioni appaiono in una stringa di testo orizzontale, dove ogni parola ha un link alla relativa pagina e questo permette che, cliccandoci sopra, si torni alla pagina di riferimento. 

Esempio di breadcrumb è il seguente:

Home Page > Categoria > Sotto Categoria > Prodotto

Ecco un'immagine tratta da Amazon:

breadcrumb.jpg

RICERCA INTERNA

La ricerca interna è un altro elemento da inserire obbligatoriamente in un sito web, a maggior ragione in un e-commerce, dove le persone che non hanno voglia di perdere tempo a cercare nel menu delle categorie e vogliono digitare il nome del prodotto (o il marchio) direttamente nella barra di ricerca interna, che darà risultati relativi solamente a ciò che è presente nel sito web.

La barra di ricerca interna è un elemento imprenscindibile: il 95% degli internauti abbandona un sito se non trova ciò che cerca. Devi fare in modo che i tuoi clienti trovino tutto e subito!

RICERCA PER FILTRI

Anche questo elemento è fondamentale per orientare e non perdere il cliente. La ricerca per filtri permette di filtrare i dati in base alle proprie esigenze. Per esempio, ciò accade in un negozio online di abbigliamento dove si desidera trovare un vestito nero, taglia 40, in cotone. Grazie a una ricerca per filtri basta spuntare queste informazioni per arrivare a consultare esclusivamente i prodotti accomunati da queste caratteristiche. 

Ecco l'esempio direttamente da Zalando
ricerca-per-filtri.png

ETICHETTE PERSONALIZZATE

Se non le hai ancora usate nel tuo negozio online, sappi che le etichette personalizzate sono perfette carte da giocare per aumentare le vendite.

Ma cosa sono esattamente? Sicuramente le hai sempre viste online ma non ci hai mai fatto veramente caso. Sono quei "bollini" presenti nelle schede prodotto o nella foto di ogni prodotto che recano diverse scritte, come "Offerta" o "Best Seller" "Pronta consegna" e così via.  Il loro scopo è prettamente quello di attirare l'attenzione verso un articolo posto all'interno di una vetrina.
Ecco un esempio:

etichette-ecommerce.jpeg

CALL TO ACTION

Ecco arrivati all'ultimo elemento su cui puntare per attirare il visitatore e farlo diventare cliente: la Call To Action, l' invito all'azione. Può avere diversi obiettivi: far acquistare un prodotto, far compilare un form, scaricare un contenuto e così via.

Ora pensa alle call to action che normalmente vedi negli e-commerce. Ti vengono in mente molti altri esempi a parte un "Acquista" o un "Metti nel carrello"? No, vero? Queste sono le "classiche" call to action che trovi nelle pagine prodotto.

E se ti chiedessimo di fare uno sforzo in più, e trovare una formula tutta tua che faccia venire voglia all'utente di acquistare? Non vogliamo influenzarti, ma solo aiutarti a capire quale sia la tua formula magica, proponendoti un esempio dall'e-commerce The Blonde Salad della fashion blogger Chiara Ferragni, di cui ti abbiamo parlato in un articolo precedente. Lei usa un perentorio "Be Mine" e secondo noi è una soluzione perfetta per lo stile del suo negozio.

call-to-action-ferragni.png

Naturalmente accanto a questi elementi, ricorda che tutto il processo di acquisto deve essere lineare e portare il visitatore alla conversione.

Tu quali tecniche usi per attirare i clienti nel tuo negozio online? Vorresti migliorare i tuoi risultati?

Ti aiutiamo a raggiungere i tuoi obiettivi di vendita: scopri subito i nostri servizi di e-commerce marketing


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *