fbpx

Come ampliare il mercato geografico di un negozio d’arredo bagno

Tempo di lettura: 4 min
Ciclo-Deming

Davanti all’evoluzione del processo d’acquisto dei consumatori, alla spinta della globalizzazione e alle opportunità offerte dalla Rete, ampliare il mercato geografico di un negozio d’arredo bagno oggi è più facile rispetto al passato e può offrirti diverse opportunità di crescita.

Tuttavia, per raggiungere risultati soddisfacenti e non perderti in un’operazione poco proficua è fondamentale che il processo sia preceduto da una attenta pianificazione.

A tal proposito, ti consiglio di seguire il Ciclo di Deming, un approccio usato per la gestione di ogni tipo di attività (non solo imprenditoriali). Questo metodo può essere applicato anche per ampliare il tuo mercato.

Ciclo-Deming

Il Ciclo è diviso in 4 fasi:

1. Plan: pianificazione di obiettivi e metodi per raggiungerli
2. Do: esecuzione delle attività definite nel punto precedente
3. Check: controllo della loro efficacia
4. Act: correzione e miglioramento del processo

L’importanza del primo punto è fondamentale. Infatti, accanto a questo metodo, non puoi sottovalutare l’elaborazione del Business Plan.

Sicuramente hai già realizzato un Business Plan quando hai aperto il tuo negozio di arredo bagno. Ricorda che questo piano è necessario per qualsiasi attività imprenditoriale; in questo caso ti servirà per comprendere opportunità, costi e ricavi del tuo piano di ampliamento.

All’interno del tuo Business Plan dovrai inserire i seguenti elementi:

  • Analisi del Mercato
  • Analisi della Concorrenza
  • Know how aziendale
  • Capitale necessario
  • Costi a breve, medio e lungo termine
  • Ipotesi di ricavi a breve, medio e lungo termine
  • Finanziamenti

In questa sede ci concentreremo sul Mercato, perchè per espandere il tuo business devi individuare la specifica zona geografica in cui intervenire e in quale modo.

Individua il tipo di Mercato e le attività correlate

A quale livello vuoi espandere la tua attività di vendita?

  • Mercato Locale
  • Mercato Regionale e Nazionale
  • Mercato Internazionale

MERCATO LOCALE
È quello che abbraccia un determinato territorio comunale o provinciale, senza arrivare a coprire l’intera Regione.

Se il tuo obiettivo è quello di raggiungere una cerchia maggiore di clienti senza spostare troppo il tuo focus geografico, non sei obbligato ad aprire un nuovo punto vendita ma puoi creare una strategia di marketing locale più penetrante, che spinga le persone di altre città vicine a raggiungere il tuo negozio.
Puoi lavorare sia con il marketing online che offline, in particolare con le seguenti attività:

  1. Sito web e strategia di Local SEO
  2. Proximity Marketing
  3. Campagne pubblicitarie con Facebook Ads – in questo caso puoi realizzare degli annunci per raggiungere persone presenti all’interno di una determinata area geografica. (Si può usare anche Facebook Local Awareness: raggiungere persone nel raggio di pochi Km)
  4. Annunci AdWords geolocalizzati
  5. Cartelloni pubblicitari stradali
  6. Azioni di guerrilla marketing
  7. Coupon e sconti a chi proviene da altre città
  8. Incentivi che spingano le persone a raggiungerti, esempio “Ti scaliamo il costo del carburante usato per un acquisto nel nostro negozio”
  9. Miglioramento dei servizi: trasporto e montaggio gratuito; assistenza post vendita etc.
  10. Pubblicità su stampa, radio, tv locale e altri media tradizionali

Come avrai notato, se agisci a livello locale, limitatamente al perimetro provinciale e senza aprire un altro punto vendita, devi dedicare un maggiore budget al marketing.

MERCATO REGIONALE E NAZIONALE
Se hai gli strumenti, il know how e il capitale necessario per espandere ulteriormente il tuo mercato, puoi:

  1. Aprire una Filiale – ne vale la pena? Approfondisci in un altro articolo!
  2. Aprire un angolo espositivo in un negozio partner: collabora con un altro punto vendita per inserire al suo interno un’esposizione della tua merce.
  3. Aprire uno showroom in un grande magazzino.
  4. Aprire un franchising ovvero rendere il tuo business scalabile. Realizza un “pacchetto” di prodotti e servizi da affidare ad un altro imprenditore che aprirà così il suo punto vendita con il tuo marchio. Per esempio, puoi fornirgli i prodotti e l’allestimento espositivo; mentre lui si occuperà di altri aspetti come la gestione delle vendite nel suo negozio.

MERCATO INTERNAZIONALE
Oggi sono tante le aziende italiane che decidono di vendere all’estero, i motivi sono tanti: ad iniziare dal trend positivo del Made in Italy nel mondo.

Secondo i dati di Federlegno, l’Export Made in Italy nel 2015 ha avuto un incremento totale del 2,9%:

germania arredo bagno

  • A livello Europeo, l’Export è condotto dalla Germania ( + 7,4%), dove il Made in Italy ha avuto un enorme successo;
  • A livello Extra-Europeo, l’esportazione è trainata dagli Stati Uniti con una crescita del 13,4% nel 2015.

Un ulteriore incentivo per un’espansione a livello internazionale è rappresentato dalle organizzazioni italiane impegnate nella promozione del Made in Italy nel mondo. Esistono diversi Enti specializzati nell’internazionalizzazione di PMI a livello europeo che mondiale. Per esempio, l’associazione governativa ICE si occupa di promuovere le aziende italiane aiutandole a diffondere i propri servizi e prodotti all’estero.

In base a queste considerazioni potresti decidere di internazionalizzare il tuo business.

Ma quali sono i modi per farlo?

  1. Aprire una filiale all’estero: scegli in modo strategico il punto in cui esordire con la tua attività commerciale. Aprire un nuovo negozio significa aumentare la propria clientela, ma considera che rimarrà pur sempre limitata ad un determinata zona geografica.
  2. Partecipare a Fiere estere per incontrare e fare rete con buyers interessati.
  3. Affiliarti ad un punto vendita estero per esporre i tuoi prodotti (modalità showroom).
  4. Aprire un e-commerce: un negozio online permette all’utente di scegliere il proprio prodotto grazie ad un catalogo online, pagare (anticipatamente) e avere a casa ciò che ha ordinato.

E se scegliessi di aprire un e-commerce di arredo bagno?

Aprire un e-commerce è la giusta alternativa per espandere il tuo mercato? Ti diamo alcuni dati che possono aiutarti a prendere una decisione.

Nel 2015 l’e-commerce in Italia ha fatturato 19.282 milioni di euro e la sua crescita nell’ultimo anno si aggira intorno al 17%; mentre nei primi mesi del 2016 ha raggiunto i 19,3 milioni con un incremento del 19% rispetto all’anno precedente e le prospettive di crescita sono positive per i prossimi anni.

Comprendere, analizzare, progettare e mettere in pratica. Tante attività un solo obiettivo: vendere. Vuoi raggiungere con successo risultati reali? Scarica il documento pensato per te, è ciò che ti serve ORA!

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print