fbpx

BLOG

Aprire un ecommerce: gli aspetti tecnici – Strogoff

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

aprire un e-commerce aspetti tecnici

Aprire un e-commerce oggi è abbastanza semplice, almeno rispetto agli inizi. Basta fare una veloce ricerca online per essere catapultati in svariate offerte commerciali. Alcune consentono addirittura di aprire un sito gratis.

Tuttavia, c’è una bella differenza tra aprire un sito e-commerce e vendere effettivamente online, la seconda non è una diretta conseguenza della prima.

Per raggiungere i propri obiettivi di vendita, occorre fare più di una semplice ricerca online. Ma da qualche parte si dovrà pur iniziare. Ecco perchè oggi voglio parlarti di un aspetto ancora poco discusso, ma molto importante: la valutazione degli aspetti tecnici che ti permettono di partire con un e-commerce adatto al tuo business.

Vediamo quindi su quali elementi devi ragionare se desideri realizzare un sistema adatto a te.

Dalla piattaforma alla logistica: gli aspetti tecnici dell’e-commerce

Il primo aspetto tecnico da considerare è rappresentato dalla piattaforma di vendita, ovvero l’interfaccia che ti consente di presentare i tuoi prodotti e portare a compimento la vendita online.

Abbiamo classificato questi sistemi in tre diversi tipi principali.

Sistema Open Source

Queste piattaforme sono caratterizzate da una licenza GNU (General Public License), che consente di modificare il codice sorgente e personalizzare il sito web. Di questi sistemi fanno parte molti CMS (content management system) ovvero dei programmi che, installati su dei server web, consentono di realizzare un sito web senza necessariamente programmarlo. Allo stesso tempo, i CMS offrono un’interfaccia che può essere gestita senza che l’Amministratore abbia enormi abilità tecniche. 

Insomma, tutto è concepito per essere semplice da usare, e personalizzabile. E questo è un punto di forza che abbatte i costi di realizzazione dell’e-commerce. Tra i più famosi CMS Open Source possiamo citare Prestashop, Magento, Open Cart etc.

A tal proposito, la scelta del CMS dipende anche dalla complessità del progetto e-commerce: se il catalogo è costituito da numerosi prodotti, diversi tra loro, prevede diversi metodi di pagamento, vende in diversi Paesi e così via. In questo caso, è consigliabile puntare su una piattaforma professionale come Prestashop o Magento.

Al contrario, se l’e-commerce prevede la vendita di pochi prodotti, e magari nasce dopo l’apertura di un sito vetrina o di un blog, si può optare per l’installazione di un plugin come WooCommerce.

Per saperne di più ti consigliamo di leggere un precedente articolo >> Prestashop VS WordPress, cosa scegliere

Sistema in affitto

In questo caso, si prevede il pagamento di una quota mensile per avere il proprio e-commerce. In tanti casi, è offerto insieme ad un pacchetto di servizi. Tuttavia, questa possibilità è limitante: non è possibile creare una piattaforma completamente personalizzata e richiedere più servizi significa far lievitare il prezzo.

Di questo gruppo potrebbero rientrare i tanti servizi e-commerce gratuiti, che mettono a disposizione dei siti web gratuiti. 

Piattaforma proprietaria

L’ultima soluzione è quella che consente di realizzare un e-commerce completamente personalizzato, costruito in base alle necessità del richiedente, proprio come un vestito su misura. Infatti, il team di programmatori costruisce il sito web da zero in base alle richieste del proprietario.

Non c’è una soluzione che vada bene per tutti: occorre valutare la situazione singolarmente ed elaborare un progetto specifico.

Accanto a queste tre tipologie di piattaforma, è possibile considerare l’e-commerce anche in base al tipo di vendita. Esistono quindi:

  • piattaforme verticali, che vendono prodotti appartenenti ad un solo settore o rivolti ad una specifica nicchia di mercato. Pensiamo, per esempio gli e-commerce di abbigliamento, una farmacia online, una profumeria online e così via.
  • piattaforme orizzontali, che propongono prodotti molto diversi tra loro. Un esempio è rappresentato dai marketplace come Amazon o eBay.

Accanto alla scelta del sito di piattaforma, occorre considerare altri aspetti tecnici, come per esempio la struttura, e nello specifico l’organizzazione del catalogo!

Per comprendere come presentare i prodotti e renderli reperibili nell’e-commerce, è fondamentale suddividerli per categorie. Solo il proprietario conosce alla perfezione tipologie, quantità e caratteristiche di ogni prodotti, ed è per questo motivo che è lui che deve provedere a suddividerli per categorie e sotto categorie in modo che siano facilmente rintracciabili dagli utenti.

In molti casi, l’e-commerce viene affiancato ad un negozio fisico ed in questo caso è possibile collegare il Gestionale alla piattaforma, ma non solo. Esistono tanti modi per caricare importare i prodotti nell’e-commerce. Per approfondire l’argomento, leggi il nostro precedente articolo.

Se invece hai già un gestionale e vuoi importarlo nel tuo negozio online, abbiamo ciò che fa per te: consulta il nostro servizio!

Questi sono solo i principali aspetti tecnici da considerare, ma un preventivo per e-commerce è fatto di tanti dettagli; senza considerare poi gli aspetti legati ai metodi di pagamento, scelta del corrierelogistica.

Alla fine, è fondamentale realizzare un sistema dove tutti i meccanismi siano ben integrati tra di loro. Ma ricorda, aprire un e-commerce è possibile anche se non hai una conoscenza approfondita del computer: ti basta trovare professionisti affidabili e presenti.

Se hai un progetto in mente e desideri saperne di più, ti invitiamo a contattarci per risolvere ogni tuo dubbio.

 

Luigi Vargiu

Luigi Vargiu

Curioso. Tanto. Forse anche per questo ho scelto di essere imprenditore in un settore in continua evoluzione, sono infatti il CEO di Strogoff ed E-Commerce Strategist. Ho formazione liceale, una laurea in Economia e Commercio, vari corsi di alta formazione in campi trasversali e tanta voglia di imparare da chiunque io incontri. Amo il bello, canto, suono la chitarra e sto imparando a suonare il pianoforte. Ho una famiglia fantastica, che è la mia più grande fonte di consapevolezza e crescita.

Lascia un commento

Chiudi il menu

Newsletter

Non perdere nessun articolo, iscriviti adesso