fbpx

Ai e Digital Transformation per accelerare il tuo business

Tempo di lettura: 4 min
Digital Transformation

Quando si parla di digital transformation, termini come Cloud, Internet of Things, Big Data, Machine Learning e Intelligenza Artificiale sono diventati di uso comune. Si tratta infatti strumenti indispensabili per le aziende che intendono emergere in un mercato sempre più competitivo.

Un processo già in atto

Uno studio della John M. Olin School of Business della Washington University stima che il 40% delle aziende Fortune 500 di oggi non esisterà più tra 10 anni proprio a causa della rivoluzione digitale. Di fronte a questi numeri non stupisce che molti dirigenti, anche di importanti multinazionali, siano preoccupati per la concorrenza di aziende dirompenti.

Nel nostro Paese, secondo l’ISTAT nel triennio che va dal 2016 al 2018 oltre il 77,5% delle imprese con almeno 10 addetti ha intrapreso un processo di innovazione e sviluppo, investendo o utilizzando una delle 11 tecnologie individuate come fattori chiave di digitalizzazione, ovvero:

  • Soft gest
  • Fibra ottica
  • 4G-5G
  • Cloud
  • Cyber-Security
  • IoT
  • Robot
  • Print 3D
  • Simulazione
  • Big Data
  • AR-VR

Inoltre ben 90 mila su circa 210 mila hanno utilizzato almeno 3 tecnologie fra quelle elencate in precedenza. Questi dati che testimoniano come sia in atto una transizione che presenta inoltre un ampio potenziale di crescita.

Digital Transformation imprese

Digital Transformation: tecnologia e innovazione

Le continue innovazioni tecnologiche hanno modificato profondamente lo stile di vita e il mondo del lavoro. Internet è diventato ormai l’elemento portante attorno cui ruota la comunicazione, l’interazione e gran parte delle attività commerciali.

Un rapido sviluppo in cui il Cloud ha giocato il ruolo di apripista, permettendo di trasferire online praticamente qualunque attività, dalla visione di film e video, a quella di ogni evento ludico o sportivo. Grazie alla “Nuvola” si possono effettuare transazioni finanziarie e raccogliere dati in totale sicurezza, è possibile studiare, dialogare, lavorare, perfino fare sport. Il tutto da un capo all’altro del pianeta. Le distanze sono azzerate e gran parte delle attività si possono svolgere comodamente da remoto.

Un mondo completamente digitalizzato

Greg Verdino, autorità leader nella trasformazione digitale, afferma che: “la trasformazione digitale colma il divario tra ciò che i clienti digitali si aspettano già e ciò che le aziende analogiche offrono effettivamente”.

Oggi grazie al Machine Learning si realizzano sistemi hardware o software perfettamente in grado di funzionare autonomamente e di simulare il comportamento della mente umana. Chiunque può entrare facilmente in contatto con questa tecnologia grazie agli assistenti virtuali, presenti sia sugli smartphone (come Google Assistant e Sirio) che su alcuni speciali altoparlanti, da Alexa a Google Home solo per citare i più noti.

Lo Smart Retail, una delle applicazioni dell’Internet delle Cose, viene utilizzato per offrire straordinarie esperienze ai clienti. Totem interattivi, vetrine che sfruttano la realtà aumentata e postazioni multifunzione rendono la shopping experience unica e coinvolgente. Inoltre sistemi di geolocalizzazione, videocamere e sensori di temperatura, permettono ai negozi di diventare più efficienti e di affrontare problematiche anche in tempi di incertezze come quelle che stiamo vivendo a causa della pandemia di Covid 19 in atto.

Inoltre la gestione dei grandi volumi di dati provenienti da molteplici fonti, obbliga ad adottare strumenti di Advanced Analytics. Queste informazioni, associate ad un sapiente utilizzo dei Big Data, consentono di realizzare aziende completamente data-driven nelle quali il dato rappresenta appunto l’elemento di valore primario attorno al quale costruire strategie e azioni.

Chatbot e Voibot, efficienza h 24

Fra i più comuni ed efficienti utilizzi dell’Intelligenza Artificiale al servizio delle imprese troviamo Chatbot e Voicebot. Sono software che simulano una conversazione con l’utente attraverso uno scambio intelligente di domande e risposte. L’unico limite è dato dal fatto che non è ancora possibile sfruttare su larga scala i bot se non per un numero ridotto di risposte automatiche. Ecco perché questo strumento viene spesso utilizzato per la gestione di richieste generali e comuni.

Uno dei settori che maggiormente ha sfruttato questo tipo di innovazione tecnologica sono ad esempio i Contact Center che, grazie all’intelligenza artificiale, hanno potuto ottimizzare notevolmente la gestione del lavoro e del personale. Attivi in maniera totalmente autonoma 24 ore su 24, gli assistenti virtuali sono in grado di liberare un operatore dal disbrigo dei molteplici richieste accorciando notevolmente i tempi di attesa. Una soluzione intelligente che permette di snellire il lavoro e di ottimizzare i tempi di gestione entro i quali i clienti vedono evase le loro perplessità.

Il duplice vantaggio è che i lavoratori sono più efficienti ed operativi e aumenta la soddisfazione del cliente. Infatti poter risolvere una problematica in tempi celeri crea un forte legame tra cliente e azienda

L’utilizzo dell’AI nel mondo del lavoro

La Digital Trasformation ha cambiato radicalmente il modo di lavorare rendendolo più agevole ed efficiente. Infatti oggi è possibile svolgere la propria attività da remoto, direttamente dalla propria abitazione. Tale modalità di svolgimento della propria attività lavorativa, chiamata con il termine inglese smart working, è una soluzione adottata specialmente per i servizi di Customer Care e di Contact Center. Numerose multinazionali gestiscono la propria assistenza clienti tramite operatori che lavorano da casa. Un metodo che piace ai lavoratori ed alle aziende perché è in grado di aumentare la produttività di ogni singolo dipendente.

Costante e prezioso è il supporto fornito dall’AI (Artificial Intelligence). A partire dagli algoritmi che permettono di collegare automaticamente, via chat o telefono, un utente ad uno specifico reparto od operatore in base alla problematica espressa dal cliente. Uno strumento che non solo individua la figura professionale o il dipartimento più competente ad evadere la richiesta, ma evita la perdita di tempo in inutili chiamate durante le quali un utente deve ripetere più volta la sua problematica.

Inoltre l’intelligenza artificiale:

  • è in grado di ricercare rapidamente le soluzioni adottate in precedenza fornendo indicazioni utili durante per la risoluzione di un determinato problema;
  • permette di trascrivere ed archiviare quanto viene detto in una conversazione vocale,
  • fornisce strumenti di riepilogo finali,
  • permette di creare database che catalogano le parole chiave relative agli argomenti più richiesti.

Padroneggiare la trasformazione digitale

La trasformazione digitale è costituita da tecnologie che supportano innovazioni omni-experience in grado di trasformare il modo in cui clienti, partner e dipendenti comunicano tra loro. L’intelligenza artificiale e le tecnologie di apprendimento automatico sono destinate a diventare sempre più popolari.

Bisogna però capire quali scelte è più opportuno fare, sia in termini di soluzioni tecnologiche che dal punto di vista strategico e organizzativo. Le aziende che vogliono avere successo devono comprendere come fondere la tecnologia con la strategia e padroneggiare i cambiamenti rendendoli fondamentali per la propria attività.

È proprio per competere con maggiore efficacia che in Strogoff accompagniamo le imprese nel percorso di trasformazione digitale e di sviluppo.

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Newsletter

Non perdere nessun articolo, iscriviti adesso