fbpx

BLOG

7 consigli utili per stimolare le discussioni nel tuo blog

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Contenuti, contenuti, contenuti: questo sembra diventato il mantra di ogni blogger o copywriter… ma anche per tanti e-commerce manager.

Non basta occuparti del tuo catalogo online, riordinare le schede prodotto, creando delle pagina complete e accattivanti per i tuoi potenziali clienti.

Non basta aprire una pagina Facebook e impiegare diverse ore della tua giornata a pianificare, pubblicare o condividere post e immagini.

Non basta: ti devi impegnare anche nell’aggiornamento del tuo blog.

Ma attenzione, non è importante cosa scrivi ma anche come: accanto ad un contenuto interessante che risponda ai bisogni dei tuoi utenti, l’obiettivo è anche quello di creare una discussione e aumentare così il coinvolgimento dei lettori.

Ma quali sono gli elementi che possono innescare una domanda o un commento ad un articolo del tuo blog?

Ecco 7 consigli pratici per stimolare una reazione dei tuoi lettori!

Aprire un blog: come partire con il piede giusto?

Aprire un blog significa impegnarsi in un processo di crescita costante: non pretendere subito di avere una cerchia di lettori accaniti che rilasciano commenti e creano accese discussioni sotto i tuoi articoli.

Per ottenere un po’ di traffico dovrai creare un piano di contenuti SEO, basati cioè sulle ricerche effettuate dagli utenti sui motori di ricerca. Devi comprendere cosa desidera il tuo target, quali sono i suoi bisogni e quali parole chiave usa per trovare le sue risposte online, senza dimenticare che la Semantica può aiutarti a farti capire meglio sia da Google che da chi ricerca informazioni online.

Il tuo blog deve avere delle caratteristiche ben precise:

  • Non copiare i contenuti altri, Google potrebbe penalizzarti, inoltre sicuramente appariresti meno professionale agli occhi di un utente web.copiare-blog.jpg
  • Attento alla grammatica e all’ortografia: il vocabolario è il tuo amico, così come il correttore automatico presente nella maggior parte dei software di video scrittura! 😉
  • Cerca sempre di inserire nel tuo blog ciò che realmente il tuo lettore sta cercando: ti abbiamo già parlato del buyer’s journey sfruttato nell’inbound marketing per intercettare le esigenze del consumatore. Sfrutta questo metodo anche nel blog, scopri di più!
  • Cerca sempre di offrire spunti di riflessione o utili input a chi ti legge in modo che leggendo il tuo blog si senta arricchito. Sì, è difficile ma non impossibile!
  • Non essere noioso. Per capire se i tuoi lettori trovano in te un punto di riferimento e apprezzano i tuoi articoli, controlla la Frequenza di Rimbalzo: i tuoi lettori abbandonano la pagina dopo pochi secondi? Ecco che il cosiddetto Bounce Rate aumenterà e questo sarà sicuramente un campanello d’allarma su cui intervenire.
  • Infine, cerca di invitare il tuo lettore ad un’azione: per esempio puoi invogliarlo a cliccare su una call to action oppure a rispondere ad una tua domanda.

Concentriamoci ora sull’ultimo punto: quali sono gli stratagemmi per innescare discussioni, domande e commenti ai tuoi articoli? Ti diamo 5 consigli pratici per raggiungere questo obiettivo!

Stimola la discussione nel tuo blog: 7 consigli pratici

Il primo passo da fare per comprendere come avere successo con il tuo blog è fare una cernita dei blog di successo, quelli famosi e più seguiti nel tuo settore.

  1. ANALIZZA I BENCHMARK
    Cerca di capire a cosa è dovuto questo seguito: non limitarti a leggere gli articoli alla ricerca dell’ingrediente magico, ma analizza la struttura, il modo di scrivere e rivolgersi ai lettori, gli argomenti trattati, la pianificazione (settimanale, mensile…) o il tipo di contenuto pubblicato (how to, notizie, infografiche…), la presenza o meno di una call to action e il modo in cui viene chiuso ogni articolo.Raccogli tutte queste informazioni in un file (puoi usare Excel) e studia anche le dinamiche interne che caratterizzano ogni articolo: ci sono più domande o più considerazioni? Esistono richieste di supporto o commenti negativi?

    Osserva il modo in cui vengono gestiti tutti gli interventi e prendi ispirazione da ogni elemento analizzato per arricchire e definire al meglio sia il tuo piano editoriale che forma e contenuto dei tuoi articoli.

  2. USA UNA FRASE DI CHIUSURA
    Non chiederti come mai nessuno commenta i tuoi articoli se, fino a questo momento, non hai mai davvero chiuso correttamente i tuoi articoli. Li lasci sempre in sospeso, senza invitare i tuoi lettori ad un’azione concentra. Ed è per questo motivo che loro, magari dopo aver letto un buon articolo, si sentono spaesati.Il ruolo di un blogger è un po’ come quello di Virgilio con Dante, prendi per mano il lettore introducilo all’argomento mettendolo a proprio agio con un testo di apertura, approfondisci la tematica con un corpo del testo in cui rifletti, descrivi, argomenti ed infine termina l’articolo con una conclusione degna di nota che lasci il lettore soddisfatto di ciò che ha appena letto e motivato per leggere un altro articolo o ritornare sul tuo blog in un secondo momento.
  3. USA LE CALL TO ACTION
    La call to action è una “chiamata all’azione” che cattura l’attenzione del lettore e lo invoglia a continuare l’interazione con il tuo blog. Sembra semplice ma un piccolo tasto con una frase ad effetto può essere determinante.
  4. FAI UNA DOMANDA
    Chiudere il blog con una domanda può portarti tanti risultati. I modi per farlo sono tanti. Per esempio, puoi esprimere un’opinione e chiedere ai lettori di dare la loro. In alternativa puoi raccontare la tua esperienza e passare la palla a chi legge.
    A volte, per ottenere… basta chiedere!
  5. INIZIA TU PER PRIMO A INTERAGIRE
    Vuoi farti conoscere e aumentare la visibilità del tuo blog? Inizia a commentare gli articoli più di rilievo del tuo settore, quelli dove le interazioni sono tante… insomma quelli analizzati nel punto uno.
    In questo modo, oltre a curare il tuo personal branding potrai comprendere meglio le dinamiche che spingono le persone a discutere e farti un nome nella tua cerchia. Di conseguenza, anche altri utenti potrebbero essere motivati a visitare e commentare i tuoi articoli.
  6. APPROFFITTANE
    No, niente di sbagliato o illegale: l’invito è quello di approffittare del primo commento ad un articolo per innescare una discussione.
    I commenti sono come le ciliegie: uno tira l’altro! 😉
  7. SFRUTTA ALTRI CANALI
    Vuoi ravvivare la situazione nel tuo blog? Allora condividi i tuoi articoli anche su altri canali web: la tua pagina aziendale su Facebook, con un Tweet, su un forum o in un articolo simile in un altro blog. Non esagerare e non farlo come fosse una marketta ma usa questa tecnica solo quando reputi che un consiglio simile sia davvero utile e non risulti come spam.

Questi erano i nostri suggerimenti: ora che hai le idee chiare e qualche esempio concreto per migliorare il coinvolgimento dei tuoi lettori, non ti resta che applicarlo sul tuo blog.

Hai qualche altra idea per poter aumentare i commenti e le interazioni ai tuoi articoli? Consigliale agli altri blog con un commento sotto l’articolo.

D’altronde questo è proprio il post giusto per lasciare un bel COMMENTO… non trovi? 🙂

Lascia un commento

Chiudi il menu

Newsletter

Non perdere nessun articolo, iscriviti adesso