Blog

5 casi in cui il tuo sito può ostacolare la crescita aziendale

 sito web ostacolo azienda

Avere un sito web non è sempre garanzia di successo, esistono dei casi in cui questo può ostacolare la crescita aziendale, in particolar modo quando, a monte, non si è fatta nessuna attività di analisi, mettendo online un prodotto poco professionale o completamente fuori-target.

Anche tu hai investito su un sito che non sta producendo i risultati sperati? Ti sembra che le tue pagine web ti stiano remando contro invece di aiutarti a vendere? Probabilmente c'è qualcosa che non va: vediamo insieme 5 casi in cui un sito web può ostacolare il successo di un'azienda

Quando un sito web si rivela dannoso per un'azienda? 

Finalmente metti online il sito della tua azienda, lo dici ai tuoi parenti, mandi un messaggio ai collaboratori e lo comunichi anche ai clienti; insomma sei entusiata di questo grande passo per la tua impresa.

Tuttavia, dopo qualche mese ti accorgi che quello che ti avevano venduto come il portale che avrebbe rivoluzionato il tuo business, non ti sta portando risultatiPerchè? Dove hai sbagliato? Vediamo cinque eventuali motivazioni.

1 - Non hai riposto fiducia nel tuo sito web

Il primo campanello d'allarme è che tu non abbia capito quali sono i reali vantaggi di una strategia digitale, e ti sia limitato a pubblicare il sito, senza un progetto alla base. 

Magari hai pensato che avere un sito fosse sufficiente per far arrivare clienti, ma non è affatto così, anzi. Il sito infatti è solo un elemento di un piano di marketing strutturato, a cui giunge dopo attente analisi: innanzitutto, hai bisogno di capire quali sono i tuoi obiettivi aziendali e se il sito ti può aiutare a raggiungerli; devi individuare le caratteristiche del tuo cliente-modello e costruire un'offerta che possa attrarlo e conquistarlo, e così via. Queste sono le fondamenta di un progetto online, di cui il sito è solo la punta dell'iceberg. 

Infine, ricorda che ogni sito deve avere anche una versione mobile friendly: oggi le persone navigano soprattutto da smartphone, occorre offrire loro una risorsa usabile e pensata per le loro esigenze.

Il sito web è come una pianta: devi prendertene cura in modo costante se vuoi che dia i suoi frutti!

nurturing.png

2 - Ti sei affidato ai fornitori sbagliati

Il secondo motivo è una conseguenza del primo: non avendo fiducia nel tuo sito web, o meglio nella tua presenza online, probabilmente hai cercato il fornitore più conveniente o ti sei preoccupato solo dello sviluppo del sito, senza troppa attenzione verso altri fattori importanti: contenuti, visibilità, branding...

Quando si desidera avviare un sito web ci si può affidare a diversi tipi di fornitore: dal semplice sviluppatore che si occupa solo di questo dettaglio, ad una azienda che ti offre tutta la sua consulenza per realizzare un progetto efficace. Ancora oggi sono tanti coloro che fanno affidabilità unicamente su uno sviluppatore/programmatore: ma anche quello più bravo si occuperà solo di questo, senza badare troppo a contenuti, grafica e usabilità.

Magari tutto il processo di acquisto funziona alla perfezione, ma se l'utente non conosce neanche l'azienda (perchè il sito non è ottimizzato per la SEO) oppure si perde dentro le pagine web (perchè il sito non è usabile)... in questi e altri casi, un sito funzionante a livello tecnico non basta.

Vuoi fare l'analisi di usabilità del tuo sito web? Scopri subito il nostro servizio.

3 - Il tuo sito è brutto

Quante volte ti è capitato di aprire un sito web ed esclamare "Che brutto!". Si, lo sappiamo che "ogne scarrafone è bello 'a mamma soja" ma cerca di osservare il sito in modo oggettivo, e se proprio non ci riesci fallo testare da un amico sincero.

Un sito brutto trasmette un'immagine negativa della tua azienda, allontanando i potenziali clienti. Inoltre potrebbe annullare l'efficacia di ogni altro investimento. Se, per esempio, hai deciso di fare una campagna AdWords per convogliare traffico verso le tue pagine web, questo investimento non produrrebbe risultati perchè l'utente entrando nel tuo sito ne uscirebbe subito.

Ma quali sono gli elementi più eclatanti che rendono un sito brutto

  • Appena entri la pubblicità invade la home pagine e non ti permette di navigare;
  • Le pagine sono ricche di gif, testi saltellanti, frasi che scorrono, banner e altri elementi che producono fastidio. Questi elementi invece che catturare l'attenzione innervosiscono l'utente;
  • All'accesso parte la musica;
  • Le scritte sono troppo piccole per essere lette, le immagini sono tristi e magari sfocate;
  • News del 1999, promozioni della collezione primavera/estate 2001 e prodotti fuori catalogo... in poche parole, qualcuno non aggiorna il sito da sempre.

Tu dirai: si, ma in pratica come è fatto un sito brutto? Per farti capire ti linkiamo il sito più brutto del mondo

sito-brutto.png

4 - Il tuo sito non ha contenuti validi

Il tuo sito ha superato il test della bruttezza, è salvo? Non ancora, perchè deve superare quello dei contenuti.

Anche in questo caso devi tenere conto di diversi aspetti: innanzitutto devi conoscere il tuo interlocutore, ovvero il tuo potenziale cliente. E per raggiungere questo obiettivo puoi dedicarti alla costruzione delle Buyer Personas

Conoscere il tuo cliente-tipo ti permette di costruire un linguaggio efficace e scegliere i canali giusti per trasmettergli i tuoi messaggi.

Non dimenticare di raccontare la tua azienda, senza slogan o frasi d'effetto, ma in modo onesto e intrigante. A questo proposito potrebbe interessarti il nostro articolo sullo storytelling

Racconta la tua azienda

Il tuo sito unisce tutti questi elementi? O hai scritto un po' di frasi qui e lì giusto per riempire le pagine? Bene, allora c'è tanto da lavorare! 

5 - Nessuna strategia di vendita

Le conversioni nel tuo sito? In realtà non hai pensato ad un vero e proprio percorso per i tuoi potenziali clienti, insomma pensavi che pianificare il percorso d'acquisto dei tuoi clienti fosse impossibile.

In realtà, con le attività giuste puoi pianificare il viaggio che trasformerà un utente, da perfetto sconosciuto a fedele cliente. Per approfondire il discorso, ti consigliamo di leggere il nostro articolo sull'Inbound Marketing ed in particolare il Buyer's Journey.

Se vuoi seguire i nostri consigli assicurati che obiettivi di marketing e vendite siano allineati.

Comprendere, analizzare, progettare e mettere in pratica. Tante attività un solo obiettivo: vendere. Vuoi raggiungere con successo risultati reali? Fatti guidare: scopri subito cosa abbiamo pensato per te. 

Scarica il report B2B